SALUTE FICAROLO (ROVIGO) Davide Benazzo segretario generale della Fp Cgil di Rovigo evidenzia come Anaste non stia applicando i contratti di lavoro firmati dai sindacati rappresentativi degli Istituti Polesani e del Residence, mentre la Regione Veneto sti

Il lavoro nelle comunità residenziali per disabili, “Sempre peggio"

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Ancora una volta i lavoratori degli Istituti Polesani e la Residence di Ficarolo penalizzati da Anaste e Regione Veneto. La prima infatti, secondo Davide Benazzo segretario generale della Fp Cgil di Rovigo, non sta applicando i contratti di lavoro firmati dai sindacati rappresentativi delle due strutture e la seconda sta introducendo, nel totale silenzio, nuovi standard per le strutture per disabili che porterà una riduzione di unità lavorative 



Rovigo - Convenzioni non rispettate, spuntano nuovi contratti, ma la Fp Cgil non ci sta. Davide Benazzo, segretario generale della Cgil di Rovigo fa presente come ad aprile 2017 Anaste, l’associazione a cui aderiscono gli Istituti Polesani e la Residence di Ficarolo (stessa proprietà), “ha sottoscritto un contratto nazionale ‘pirata’ con sindacati non rappresentativi e, malgrado le diffide e le tante lettere dei lavoratori che chiedono venga applicato il contratto sottoscritto da Cgil, Cisl e Uil e non questo, entrambe le strutture hanno deciso di applicarlo egualmente con forti penalizzazioni, oltre che normative, di tipo economico soprattutto per la malattia”. 

La Cgil per questo sta valutando le vertenze individuali per le penalizzazioni subite, “ma soprattutto abbiamo inviato nota alla Regione e all’Ulss, quest’ultima anche come responsabile in solido sui danni economici che i lavoratori stanno subendo, in cui chiediamo che intervengano affinchè le strutture rispettino le convenzioni da poco sottoscritte dove vi è l’obbligo, condizione per il mantenimento della autorizzazione, di applicare i contratti di lavoro firmati dai sindacati rappresentativi. - spiega - Sarebbe sconcertante che un ente pubblico come la Regione, che paga, a parità di valutazione, una quota pro capite uguale per tutte le strutture, permettesse al privato di arricchirsi con soldi pubblici senza porre vincoli e regole di rispetto dei lavoratori. Se ciò avvenisse la Regione sarebbe colpevole di alimentare, oltre che un danno ai lavoratori, un sistema di concorrenza sleale che si abbatterebbe senza fine sul mondo del lavoro e sui servizi. Per tale motivo la nota l’abbiamo inviata anche alla Corte dei Conti, ritenendo anche importanti le possibili responsabilità individuali, e all’Anac”. 

Benazzo fa presente che oltre a questo è partita una sperimentazione che interessa alcune delle così dette "grandi strutture per disabili", tra le quali anche gli Istituti Polesani, “situazione che a nostro parere determina nei fatti una riduzione dei costi a pari risorse economiche erogate. Chi ha seguito le vicende di questa struttura sa che uno dei problemi più grossi era il basso numero di ore assistenziali erogate proprio perché la Regione non aveva ancora determinato, diversamente da tutte le altre strutture, gli standard per le grandi strutture, compresi gli Istituti Polesani vincolate a norme vecchie di oltre 20 anni con conseguenti importanti guadagni sul costo del lavoro (basti pensare che in applicazione di queste norme gli Istituti si sono visti obbligati ad assumere circa 50 OSS in più)”.

“Ora la Regione Veneto di fatto sta introducendo, nel totale silenzio, nuovi standard per le strutture per disabili, forse il preludio per una riduzione assistenziale in tutte le strutture socio sanitarie, - afferma - che introducono i minuti assistenziali pro capite da erogare. Da primi conti fatti, riteniamo che per le Rsa disabili si produce una riduzione di circa 2,5 OSS anno ogni 20 Ospiti e per le comunità residenziali per disabili di circa 3 OSS anno ogni 20 ospiti. Se prima convenzionalmente il rapporto OSS/Ospiti si calcolava con un teorico di ore lavorate all’anno pari a 1600 per ogni Oss, i nuovi standard lo riducono a poco più di 1300 con un risparmio medio di circa 300 ore ogni 1,4 ospite per le Rsa e ogni 1,2 ospite per le comunità residenziali. Per gli Istituti si traduce con un possibile risparmio pari al costo di 27 operatori socio sanitari in meno ogni anno... ottimo lavoro”. 

5 gennaio 2018




Correlati:

  • In 200 commossi da questi attori davvero speciali

    ISTITUTI POLESANI FICAROLO (ROVIGO) Lo spettacolo organizzato assieme ai Lions di Santa Maria Maddalena - Alto Polesine ha davvero colpito nel segno

  • Doloroso addio 

    LUTTO ROVIGO Il sindacato unitario inquilini assegnatari piange uno dei suoi fondatori, l'amico Giorgio Poletto. L'ultimo saluto si terrà venerdì 22 dicembre, alle 15 nella chiesa della Madonna Pellegrina

  • Il make up del paese con quasi mezzo milione di euro

    LAVORI PUBBLICI FICAROLO (ROVIGO) Pronti a partire gli interventi per 206.450 euro a palazzetto dello sport, Villa Giglioli e via Trento. Altri 275mila euro saranno per via Giglioli e via Solferino

  • "I lavoratori pagano per le irresponsabilità dei politici"

    CONSVIPO ROVIGO Il segretario generale della Fp Cgil, Davide Benazzo, punta il dito contro i soci del Consorzio poco preoccupati, a suo dire, del futuro dei lavoratori non solo dipendenti ma anche di quelli coinvolti nei progetti

  • L'amore non lascia lividi

    L'INIZIATIVA A FICAROLO (ROVIGO) Una foto in cornice per lottare contro la violenza sulle donne. La proposta riscuote apprezzamento e collaborazione

  • Sciopero, blocco straordinari, Spisal: non si ferma la protesta

    ECOAMBIENTE ROVIGO Dopo 9 giorni di blocco dello straordinario, Fp Cgil e Fiadel lamentano la mancanza di risposte alle sollecitazioni da parte dell'azienda e decidono di proseguire con le iniziative

  • "Il porta a porta aggrava le condizioni dei lavoratori" 

    ECOAMBIENTE ROVIGO Camion con la guida al contrario, cooperative sociali al lavoro al posto dei dipendenti, inefficienze organizzative, nessuna tutela, condizioni di lavoro “in barba alla sicurezza. La denuncia dei sindacati continua

Fondazione Cariparo Culturalmente