CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Dopo le tante polemiche, il sindaco di Adria Massimo Barbujani affida un messaggio ai social e chiede ai cittadini la condivisione, per chiarire la sua posizione

"Non farò campagna elettorale strumentalizzando i morti"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Dopo l'incontro di giovedì 11 gennaio a Ca' Emo, per parlare della questione Coimpo (LEGGI ARTICOLO), il sindaco di Adria ha compiuto un passo decisamente significativo, chiedendo a tutti i cittadini di condividere il suo appello: basta strumentalizzare una tragedia devastante



Adria (Ro) - Una comunicazione chiara e inequivocabile, che il sindaco di Adria Massimo Barbujani ha affidato ai social, domandandone ai cittadini la massima condivisione, a testimonianza di quanto la tematica gli stia a cuore. Al centro di tutto, l'incontro sul caso Coimpo organizzato nella serata di giovedì 11 gennaio al centro parrocchiale di Ca' Emo.

"I cittadini sono sempre stati liberi - scrive Barbujani - e lo saranno sempre, di organizzare momento di confronto e di condivisione. La signora Deborah Stoppa (avvocato e vicepresidente del comitato Ca' Emo Nostra, ndr), ha avuto modo, con ben sei interventi, di esprimere il parere suo e quello del comitato. Vista l'ora e visto anche l'ultimo intervento di carattere politico (eravamo lì per spiegare le iniziative per la tutela dei cittadini), ho trovato giusto concludere l'incontro".

"Non voglio cadere in nessuna forma di strumentalizzazione. La morte delle persone e le attività legate alla Coimpo sono argomenti troppo gravi per diventare strumenti nelle mani di chi, a vario titolo, può trarne visibilità e semplice vantaggio personale, ben lungi dal tutelare le persone dell'intera comunità".

"La magistratura - conclude il sindaco - sta facendo il suo percorso e se ci sono delle colpe sarà questo organismo a stabilire le responsabilità. La politica ha fatto e sta facendo quanto doveroso e di sua competenza. Il tema, si comprende facilmente, può diventare un buon cavallo per questa tornata elettorale. Questo però è un atteggiamento che non fa parte del mio pensiero e del mio modo di essere".

13 gennaio 2018




Correlati:

  • Arriva Simoni e a Ca' Emo si bloccano i lavori

    SCANDALO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Le opere di compensazione ambientale per 125mila euro non vengono richieste durante le giunte Bobo-bis e Bobo-ter. Giorgia Furlanetto solleva il dubbio che la cosa dipenda direttamente dal vice Federico Simoni

  • A breve potrebbero spuntare altri indagati

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Ennesimo colpo di scena: ci sono vari nomi "in attesa". I carabinieri attribuiscono loro ipotesi di reato, ora si deve capire da quale procura saranno "gestiti"

  • "Sconvolti da quella intercettazione"

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Dopo il consiglio comunale "bomba" di mercoledì 17 gennaio sulla questione intervengono anche i Cinque Stelle

  • Festa di ringraziamento per don Virgilio

    EVENTI ADRIA (ROVIGO) La frazione di Ca’ Emo con i gruppi e le associazioni domenica 28 gennaio saluterà il parroco che si trasferirà alla parocchia di Rottanova

  • Viaggio (di sola andata) ad Auschwitz, foto e commemorazioni 

    GIORNO DELLA MEMORIA ADRIA (ROVIGO) L’amministrazione comunale ha deciso di ricordare la Shoah il 25 e 27 gennaio con mostre, cortei e incontri 

  • [VIDEO] “Volevano addomesticare le analisi”: Bufera su Simoni

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) Il consigliere Luca Azzano Cantarutti legge una dichiarazione del vicesindaco presa da una relazione dei carabinieri forestali. Parte la mozione di sfiducia ma è inammissibile. Simoni rimette nelle mani di Barbujani la decisione

  • Terreni avvelenati da fanghi pericolosi per l'uomo

    IL CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) L’assessore Giorgia Furlanetto legge a consiglieri e cittadini presenti in consiglio comunale la relazione, appena pervenuta, dei carabinieri forestali del Veneto, gruppo di Rovigo. "Un autentico macigno" per Barbujani

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017