FILM PORTO TOLLE (ROVIGO) Ancora una volta, il Delta del Po diventa a perfetta scenografia del regista Ferdinando De Laurentis al lavoro, questo week end tra Ca’ Tiepolo, la Sacca di Scardovari e la foce del Po di Gnocca

Una storia che stringe l’anima, ambientata nel Delta

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Attori di tutto rispetto, luoghi magici, una storia che stringe l’anima: il Delta del Po ospita le riprese del film Sensazioni, del regista Ferdinando De Laurentis
 


Porto Tolle (Ro) – Una domenica di riprese, cominciate alle 9.30 in piazza Ciceruacchio a Ca’ Tiepolo per girare il film Sensazioni di Ferdinando De Laurentis ispirato all’omonimo libro di Sergio Gnudi, edizioni La Carmelina. “È un film particolarmente complesso per la sua poetica – spiega il regista – per seguire il senso corretto del testo dobbiamo riprendere certe location in periodi dell’anno diversi, location ben precise ad orari altrettanto precisi. È un lavoro di grande interesse, molto apprezzato dai nostri giovani, che tocca corde emotive e sentimentali in maniera molto efficace. È un lavoro completamente diverso dai precedenti lungometraggi”.

Un Delta, domenica, “invaso” da attori di tutto rispetto. L’attore Francesco De Laurentiis è arrivato da Napoli per girare una scena dove vende aria pulita del Delta del Po a due giovani per mille lire negli anni ’70. La dodicenne Desideria Cucchiara, segnalata dal grande Pupi Avati per il talento, è arrivata nella sacca di Scardovari da Bologna per raccontare una bambina rimasta senza nessuno al mondo che vive con i pescatori di vongole e racconta favole legate al mare. Poi miss cinema veneto, Elisa Marini, arrivata da Trento per unirsi ad altri ragazzi del Tpo per raccontare un giro nel Delta di protagonisti della storia, dove incontrano un cantante new melodico (Armando Pelone), ascoltano un vecchio registratore a cassette e ballano sull’argine. I ragazzi impegnati in questa sessione di riprese sono Greta Zarano, Nicolò d’Angelo, Martina Pippa, Pablo Ayala, Giovanni Benini, Carolina Maiocchi, Sebastiano Torelli con il direttore della fotografia Giulio Pola e Rosaria Montini al trucco e parrucco, oltre alla troupe tecnica al seguito.

“Dopo un capolavoro come ‘L’isola (coma profondo)’ – spiega il giovane aiuto Sebastiano Torelli – serviva un’opera come questa per dare la sferzata giusta alla produzione del Tpo. Dopo due film di preparazione e il più maturo ‘Tanto non ti amerò’, occorrevano sceneggiature più importanti e rivolte a un pubblico più ampio”. Da Ca’ Tiepolo la troupe si è diretta verso la foce del Po di Gnocca, dove è stato posizionato il primo set. Gli altri in vari punti della Sacca di Scardovari fino alla foce del Po di Tolle. Ultimo set con i cavalli e cavalieri del Barricata Ranch.   

Al centro del film, ci sono le sensazioni, l'essenza stessa della vita. Due coniugi ai loro ultimi giorni di vita: lei decide di vivere con suo marito 10 sensazioni mostrando 10 mucchietti di fotografie e rivivendo il loro amore per la poesia, per la vita e l’uno per l’altra. Saranno le ultime dieci sensazioni provate dal protagonista. Dopo il Delta del Po i set si sposteranno nel Medio e Alto Polesine e poi a Vicenza.

Nel frattempo i giovani del Tpo hanno istituito una redazione per un programma televisivo di 24 minuti dal titolo “Parliamone”. Si tratta di uno spazio autogestito da questa quindicina di giovani allievi che andrà in onda su alcuni canali del digitale terrestre e che tratterà dei temi più cari alle nuove generazioni. Sono in preparazione le prime due puntate del nuovo format.
 
15 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Animazione estiva Baseball Camp 2018