LA TRAGEDIA A GAVELLO (ROVIGO) Nel 2013 la morte di Maria Grazia Trombini, dipendente della Provincia, avvenuta in Toscana. A breve la verità sull'indagine

Morta dopo l'intervento di routine, indagati in 19

Deltablues 2018
A breve si saprà della sorte dell'indagine aperta sulla morte di Maria Grazia Trombini, 48 anni, di Gavello, archivista della Provincia di Rovigo, deceduta dopo un intervento in Toscana che avrebbe dovuto essere di routine. I familiari si sono opposti all'archiviazione

Gavello (Ro) - Doveva essere un intervento di routine, ma alla fine Maria Grazia Trombini, 48enne di Gavello è morta, il 29 giugno del 2013, per quanto sia tutto da stabilire un eventuale nesso causale tra l'intervento chirurgico e il tragico epilogo. Ad avviso della Procura, non ci sarebbe, tanto che è stata chiesta l'archiviazione dell'indagine. Un esito al quale però i familiari della donna non si vogliono rassegnare, tanto da avere presentato opposizione a questa richiesta. In tutto, al momento, sono 19 gli indagati, tra medici e infermieri, sia di Arezzo che di Pisa. In una clinica del primo Comune la donna, secondo questa ricostruzione dei fatti, si sarebbe sottoposta a un intervento di riallineamento della colonna vertebrale, ma il peggioramento del suo stato di salute avrebbe in seguito portato al ricovero a Pisa, dove avvenne il decesso.

Ora, a giorni, sarà il giudice pe le indagini preliminari a decidere la sorte del procedimento, ossia se accogliere la richiesta di archiviazione della Procura.
28 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento