CARABINIERI FORESTALI PORTO TOLLE (ROVIGO) Individuati in località Boccasette, hanno subito il sequestro dell’attrezzatura, fucili compresi

Caccia con i richiami proibiti, guai per quattro appassionati

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo
Tre ravennati e un polesano colti in flagrante dal personale dei carabinieri forestali, assieme alla polizia provinciale
 
Porto Tolle (Ro) - Militari della stazione carabinieri Forestale di Porto Tolle con l’ausilio di personale  della Polizia Provinciale di Rovigo, nella mattinata di mercoledì 31 gennaio. hanno operato un controllo in località Boccasette del Comune di Porto Tolle, nella laguna prospiciente scanno del Palo, dove alcuni cacciatori esercitavano l’attività venatoria da appostamento fisso alla selvaggina migratoria.

Durante l’ispezione ad un “appostamento” di caccia i militari hanno rinvenuto occultate in due intercapedini, un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico,  sei diffusori del suono e quattro batterie da 12 volt, in violazione della legge 157/1992 (divieto di  esercizio della caccia con l’ausilio di richiami acustici elettromagnetici).

I carabinieri Forestali  hanno  quindi  provveduto  a sequestrare, oltre al materiale rinvenuto, sei fucili calibro 12,  68 cartucce calibro 12, 72 stampi in plastica di anatidi,  6 Alzavole e un Germano abbattuti dai cacciatori. I quattro cacciatori (tre ravennati e un polesano, tutti di 55 anni) occupanti l’appostamento sono stati denunciati all’autorità giudiziaria.          
 
2 febbraio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ELEZIONI - Adria - Fratelli d'Italia Forza Adria