CULTURA PORTO VIRO (ROVIGO) Nel tour per la realizzazione del film “Sensazioni”, il Tpo ha fatto tappa di fronte alle opere della famosa pittrice Grabriella Dumas, con la quale hanno girato una scena e una puntata televisiva

La troupe di De Laurentis incontra la pittura: magia

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Sabato 3 febbraio le telecamere del Tpo, dirette da Ferdinando De Laurentis, si sono recate a Porto Viro per raccontare alcune opere della pittrice Gabriella Dumas. Due gli scopi: girare una scena del film “Sensazioni” tratto dall’omonimo testo di Sergio Gnudi e realizzare un’intervista per concludere la puntata zero del rotocalco di attualità giovanile “Parliamone”, che andrà presto in onda su alcune reti del Nord Italia



Porto Viro (Ro) – Ferdinando De Laurentis e la sua troupe hanno incontrato l’artista Gabriella Dumas durante il giro di riprese del film “Sensazioni”. L’incontro è avvenuto nella sede degli artisti del Delta, dove è stata allestita una mostra per l’occasione. Si è parlato di quattro quadri particolari: “Anguana” e “Bagno di luna” che raccontano della misteriosa figura mitologica legata all’acqua, “Oriente e Occidente”, riflessioni sulla mercificazione del corpo della donna e “Perché”, una particolare Madonna con Bambino.

Nel film “Sensazioni”, la pittrice incontra i due protagonisti amanti dell’arte e racconta loro le sue emozioni e sensazioni che l’hanno spinta a realizzare queste opere. Ma l’incontro tra la pittrice e il Tpo era anche funzionale alla realizzazione di una puntata del rotocalco di attualità “Parliamone”: nella trasmissione televisiva Gabriella Dumas traccia il suo pensiero artistico in un servizio di pochi minuti che la presenta.

Gabriella Burgato Dumas è una delle pittrici polesane più apprezzate. Da sempre amante del suo Delta, delle sue atmosfere, di quel connubio tra acqua e cielo, delle sue genti antiche attorno al grande fiume, sin da giovanissima manifesta le sue doti artistiche che la porteranno poi nella maturità sino alle sale del Carrousel du Louvre a Parigi. Di origini polesane ma cresciuta a Padova, ha viaggiato molto in Italia ed all’estero dove ha vissuto per vari anni in Grecia, Sudan, Eritrea, Etiopia. Pluripremiata, negli ultimi anni ha ottenuto risultati di assoluta eccellenza e di grande originalità espressiva nel campo della comunicazione pittorica e, più in generale, artistica, forte di esperienze e successi di pubblico e di critica a livello internazionale, soprattutto in terra di Francia.

“I suoi quadri mi colpiscono perché non fanno fare chiacchiere a vuoto – commenta il regista De Laurentis – e ho scelto lei e le sue opere per questo film per le “sensazioni” non banali e le riflessioni che hanno suscitato ai nostri giovani allievi. Il suo incontro con i ragazzi, in veste personaggi del nostro nuovo lungometraggio, è stato in stile felliniano, tanto che poi è accaduta una cosa singolare. Gabriella ci ha prestato un cavalletto degli anni ’70 per una commedia con la quale debutteremo il 24 marzo prossimo a Bologna, ma, date le condizioni atmosferiche abbiamo dovuto cambiare il set successivo. Grazie a quel cavalletto ci siamo inventati una scena dove una ragazza non udente dipinge, davanti a un piccolo specchio d’acqua, un quadro invisibile, tanto che il primo piano della giovane mostra che la sua tela è proprio il pubblico e a loro parla dell’importanza del silenzio in questo momento storico. Una sorta di magia della creatività”.

“È sempre interessante quando due forme d'arte si incontrano ed è quello che si è creato nella sede degli Artisti del Delta di Porto Viro dove si è allestita una mia mostra di pittura ad hoc per girare qualche scena del film "Sensazioni" – ha detto Gabriella Dumas – Il regista Ferdinando De Laurentis mi ha fatto entrare per qualche ora nel suo mondo del cinema ed è stato bello ed emozionante spiegare le sensazioni che mi hanno portato a dipingere alcuni dei miei quadri a persone che hanno la sensibilità di capirle profondamente. Ho sentito una comunione con Ferdinando e i suoi ragazzi e l'intreccio tra la trama del film e alcuni dei miei quadri ha fatto in modo che si creasse un'atmosfera quasi magica”.

Sul set, oltre alla troupe con Gabriella Dumas si sono alternati Giulio Pola, Sebastiano Torelli, Nicolò d’Angelo, Paola Mardegan, Martina Pippa, Silvia Panzani, Marino Bellini e Bernadette Masarati. Il film racconta le dieci sensazioni che una donna fa provare al marito prima di morire mostrandogli dieci mucchietti di fotografie. La puntata televisiva realizzata dai ragazzi parla, oltre che delle opere di Gabriella Dumas, del fenomeno degli youtubers, della visione del futuro di una ragazzina dodicenne, di Ferrara come la città d’Italia con meno giovani e di che cosa si parla dalla parrucchiera.

4 febbraio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo