CONTRIBUTI ROVIGO A disposizione 3 milioni di euro per favorire la valorizzazione e la tutela del patrimonio storico artistico della provincia 

La Fondazione Cariparo avvia il bando per i beni artistici religiosi 

Cooking Chef Academy 730x90

Beni immobili, in particolare edifici di culto, anche secolarizzati, ma anche quelli mobili come quadri, sculture e manufatti di varia natura saranno l’oggetto del bando promosso dalla Fondazione Cariparo che ha deciso di valorizzare e tutelare il patrimonio storico e artistico delle province di Padova e Rovigo destinando 3 milioni di euro per il loro restauro o manutenzione 



Rovigo - Fondazione Cariparo annuncia il bando Beni Artistici Religiosi, che nasce con l’obiettivo di promuovere, valorizzare e tutelare il patrimonio storico e artistico delle province di Padova e Rovigo attraverso interventi di restauro e manutenzione di beni religiosi di particolare rilevanza storica e artistica. L’iniziativa, per la quale la Fondazione mette complessivamente a disposizione 3 milioni di euro, è aperta a enti e istituzioni non profit di natura pubblica e privata (enti religiosi, associazioni e fondazioni) che siano proprietari del bene o a cui ne sia affidata la gestione.

Oggetto degli interventi potranno essere sia beni immobili – in particolare edifici di culto, anche secolarizzati - sia beni mobili come quadri, sculture e manufatti di varia natura. Nello specifico, il contributo che la Fondazione metterà a disposizione di ciascun intervento non potrà superare il 50% del costo complessivo previsto per i lavori e l’importo massimo concesso sarà pari a 150.000 euro per i progetti di restauro e 50.000 euro per quelli di manutenzione.

Antonio Finotti, presidente della Fondazione spiega come “il bando Beni artistici religiosi conferma l’impegno con cui la nostra Fondazione sostiene la promozione della cultura, anche attraverso la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale delle province di Padova e Rovigo. Tra gli obiettivi principali dell’iniziativa vi sono rendere accessibili al pubblico i beni artistici presenti sul nostro territorio, per i quali siamo tanto ammirati in patria e all’estero, e diffondere la cultura della tutela del patrimonio artistico, incoraggiandone una gestione strutturata e sostenibile nel tempo”.

Gli enti interessati all’iniziativa avranno tempo fina al 30 giugno 2018 per presentare la propria domanda di partecipazione attraverso l’apposita procedura online.

16 febbraio 2018
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

Animazione estiva Baseball Camp 2018