ULSS 5 POLESANA ROVIGO Patrizia Bartelle, consigliere regionale dei 5 Stelle, punta il dito contro la decisione del direttore generale dell'Ulss 5 in tema di comunicazione aziendale

"Affidamento da 39mila euro, che ne pensa la Regione?"

Deltablues 2018

Un affidamento diretto, appena al di sotto dell'importo superato il quale questa maniera di procedere non è più consentita, quello operato per la gestione della comunicazione aziendale dall'Ulss 5 Polesana. Una scelta che solleva le perplessità di Patrizia Bartelle, consigliera regionale dei 5 Stelle



Rovigo – ”Come valuta la giunta regionale  la decisione del direttore generale dell’Ulss 5 Antonio Campostella di destinare 39mila euro ad Antenna Tre?". Lo domanda la consigliera del Movimento 5 Stelle Patrizia Bartelle, polesana di Corbola.

Ha depositato in Regione nei giorni scorsi un’interrogazione nella quale chiede alla giunta Zaia come valuti, appunto la decisione del direttore  generale dell’Ulss 5 Polesana Campostella, di destinare  39mila euro alla comunicazione aziendale.

"Una cifra - prosegue la nota -  che ha permesso all’azienda  Polesana  di  affidare con procedura diretta il servizio,  in quanto si tratta di un importo al di sotto della soglia dei 40mila euro, imposta dal nuovo codice dei contratti pubblici. Una scelta  mirata per la diffusione capillare a livello regionale e soprattutto locale per quelle che l’Ulss 5 definisce 'mission' e le 'best practice'".

"Una strategia comunicativa - prosegue Bartelle - che si poteva limitare all’attivazione di mezzi più economici come l’utilizzo dei social media, a livello televisivo e attraverso quotidiani comunicati stampa. Visto e considerato che stiamo parlando di un service televisivo affidato ad Antenna Tre, l’ emittente che ha sede a Treviso, che cura il Tg riguardante il Veneto in generale e  a livello locale quelli di Treviso e Venezia".

18 febbraio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento