VOTO 4 MARZO ROVIGO Seggi dei collegi plurinominali non ancora assegnati ufficialmente ma Bartolomeo Amidei è sicuro di non avercela fatta e saluta elettori e amici. “Con me e i miei sostenitori alzato il dato di Fratelli d'Italia”

Amidei dà l’addio da senatore con una stretta di mano simbolica

Deltablues 2018
Dopo l'incredibile débacle del Partito Democratico e l'addio al Parlamento di Diego Crivellari, che perde nel suo collegio uninominale (LEGGI ARTICOLO), anche il secondo ormai ex parlamentare Bartolomeo Amidei, candidato capolista con Fratelli d'Italia, che nel nostro collegio al Senato prende il 3,96%, non aspetta neppure l'assegnazione ufficiale dei seggi: saluta e augura un buon lavoro a chi è stato eletto


Rovigo - “Vorrei dire grazie”. Inizia con queste parole l'addio alla carriera di senatore di Bartolomeo Amidei che il giorno dopo le elezioni politiche, visto il risultato del suo partito, Fratelli d'Italia, non aspetta neppure il tempo che i seggi dei collegi plurinominali in Parlamento vengano ufficialmente assegnati e ringrazia tutti coloro che l'hanno sostenuto, la sua famiglia per prima. Dopo l'addio dell'onorevole del Pd, Diego Crivellari che perde nel collegio uninominale alla Camera, esce di scena anche il senatore ex Forza Italia di Loreo. Niente da fare anche per la senatrice Emanuela Munerato, che aveva accettato una candidatura di servizio con Noi con l'Italia che non raggiunge neppure il quorum dell'1% per evitare di disperdere i pochi voti ricevuti nel calderone dei resti.

Amidei sceglie l'addio social e posta sul suo profilo una foto della campagna elettorale durante la quale stringe la mano ad un giovane. “Ho scelto questa immagine del mio impegno elettorale in occasione di queste elezioni politiche perché vorrei con una semplice stretta di mano dire grazie ad ognuno di voi e nel contempo credere che i giovani possano avvicinarsi di più alla politica – scrive Amidei – Si conclude così il mio impegno di Senatore della Repubblica. Vorrei ringraziare uno per uno tutti coloro che hanno avuto grande fiducia in me e anche dire grazie alla mia famiglia: sono stato aiutato, mi è stato permesso e ho avuto l’onore in questi tre anni di portare nelle aule del Parlamento le vere istanze dei cittadini. Sappiate che sono sempre stato tanto orgoglioso nel definirmi un 'cittadino della strada'”.

“Vorrei dire grazie alle tantissime persone che in questo periodo ho sentito veramente vicine e amiche che mi hanno aiutato con grande forza e spirito libero a portare Fratelli d’Italia a più che raddoppiare i suoi voti rispetto alla volta precedente. Credo che questo grande risultato non sarebbe mai stato possibile se non si fosse creato quel giusto rapporto reciproco di stima e fiducia tra il cittadino ed il politico. Auguro a tutti i nuovi eletti in Parlamento un buon lavoro per il bene del nostro amato Paese”.
5 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento