COMUNE POLESELLA (ROVIGO) L’amministrazione comunale guidata da Leonardo Raito sta puntando sulle potenzialità ed opportunità che il territorio offre in ambito turistico

“Il nostro paese è pronto per le opportunità di intermodalità e mobilità lenta”. 

Deltablues 2018

Ciclovia Vento, convenzione per il miglioramento della cartellonista, percorsi religiosi, turismo fluviale e su quello culturale, valorizzazione dei percorsi ciclabili dell’asta Adige-Po ed il marketing di prossimità per le bellezze del territorio sono alcuni dei progetti che l’amministrazione comuanle di Polesella sta portando avanti per valorizzare l’ambito turistico



Polesella (Ro) - Si dice spesso che il territorio polesano è un territorio dalle grandi potenzialità turistiche, ma anche queste potenzialità, per essere pienamente dispiegate, hanno bisogno di un sistema di supporto politico e strutturale che deve consentire agli operatori di lavorare al meglio e ai possibili fruitori di trovare le condizioni più favorevoli per la visitazione e la conoscenza delle opportunità che ogni territorio fornisce. 

L’amministrazione comunale di Polesella sta operando da tempo per creare le condizioni favorevoli allo sviluppo economico del turismo, investendo e cercando di cogliere opportunità in alcuni settori strategici che potrebbero riservare opportunità importanti. Il sindaco Leonardo Raito e gli assessori Sonia Colombani e Cinzia Ghirelli stanno lavorando su alcuni filoni importanti: “la posizione del nostro territorio è strategica – spiega il sindaco – ci troviamo al centro di arterie di viabilità importanti, sede di una stazione ferroviaria e di una serie di piste e percorsi ciclabili di interesse e possediamo un attracco fluviale che abbiamo restaurato e riaperto. Ora il nostro paese è pronto per tutte le opportunità legate all’intermodalità e la mobilità lenta”. 

Quando si pensa a mobilità lenta si pensa subito alla ciclovia Venezia-Torino: “Polesella è la porta sul passaggio verso l’Emilia – dice l’assessore Colombani – abbiamo colto subito l’opportunità di questa prospettiva di sviluppo che ci dovrà portare a scelte importanti ma che intendiamo fare perché proiettiamo il paese avanti negli anni in un settore, quello turistico, che potrebbe essere un settore di rilancio economico. L’idea della passerella ciclabile sul ponte del Po, che è stata recepita nel progetto nazionale, sarebbe davvero un unicum straordinario”. 

Cinzia Ghirelli ha sollecitato interventi di miglioramento anche in chiave di conoscenza del territorio: “Abbiamo aderito alla convenzione con la Provincia di Rovigo per il miglioramento della cartellonistica. Ci sarà uniformità in tutto il Veneto in modo che la regione sia un grande contenitore turistico sostenibile di cui Polesella sarà a pieno parte integrante”. Ma la Vento non è la sola novità, come spiega il sindaco Leonardo Raito: “Stiamo lavorando anche sui percorsi religiosi, sui cammini, sul turismo fluviale e su quello culturale, con il progetto promosso dal Touring Club che riguarda le presenze estensi. Abbiamo aderito a un protocollo di intenti e collaborazione con altri comuni del Polesine per valorizzare i percorsi ciclabili dell’asta Adige-Po. Crediamo a pieno nel potenziale di Polesella e intendiamo migliorare il sistema e la cultura dell’accoglienza, della narrazione del territorio”. 

Come? “Sto chiudendo un progetto che riguarda il marketing di prossimità per le bellezze del territorio. Una novità in termini promozionali e di offerta che non potrà che vedere il protagonismo della collaborazione pubblico-privato, creando sinergie che possono tradursi in ricchezza per il nostro comune e i nostri operatori. Rilancio la proposta dei progetti tra uomini, terre e fiumi e la costituzione dell’ecomuseo delle civiltà idrauliche”. 

7 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento