VACCINI ROVIGO Il termine per vaccinare o prenotare la vaccinazione obbligatoria è scaduto oggi, 10 marzo. Ma i genitori inadempienti avranno tempo fino al 30 per mettersi in regola. Partite le lettere alle famiglie

Vaccini: altri 20 giorni per mettere i bimbi in regola

Deltablues 2018

Secondo i dati della Regione Veneto sono ben 8mila 500 i bambini veneti non in regola con le vaccinazioni alla data ultima del 10 marzo. Ma scatta la mini proroga che sposta il termine ultimo per mettersi in regola con i vaccini obbligatori al 30 marzo. Poi, per chi non è in regola, scattano davvero le sanzioni: a casa i bimbi della materna, sanzioni pecuniarie ai genitori dei bimbi e ragazzi della scuola dell'obbligo



Rovigo – Siamo arrivati a quello che doveva assere il giorno spartiacque tra vaccinati e non vaccinati, tra bambini a scuola e bambini “espulsi”, tra genitori adempienti e genitori sanzionati. Invece è arriva la mini proroga, fino al 30 marzo, 20 giorni in più per il “salvataggio in corner” per tutti i genitori inadempienti che ancora il figlio non l'hanno messo in regola con le vaccinazioni obbligatorie.

Oggi, 10 marzo, doveva essere la data termine per mettersi in regola ma nonostante la proroga, questa giornata rimane comunque un punto di arrivo. L'Ulss 5 Polesana, infatti, ha cominciato a contattare le scuole per avvisare i dirigenti scolastici dello stato vaccinale dei propri iscritti. Saranno poi i dirigenti a contattare i genitori inadempienti. Questi, avranno tempo fino al 30 marzo per prenotare le vaccinazioni ai propri figli. Chi alla data di oggi non ha ancora vaccinato i figli ma ha comunque già una prenotazione, è in regola.

Per i genitori che anche alla data del 30 marzo, invece, non avranno adempiuto nemmeno all'obbligo di prenotare la vaccinazione scattano i provvedimenti previsti per legge. Per quanto riguarda i bimbi frequentanti gli asili (da 0-6 anni) saranno “espulsi” da scuola mentre per la scuola dell'obbligo (7-16 anni) scatteranno le sanzioni pecuniarie da 100 a 500 euro.

Il Veneto è una delle regioni che ha aderito alla procedura semplificata possibile solo per le Regioni che detengono l'anagrafe vaccinale. Questa procedura prevede che entro il 20 marzo le scuole inviino alle famiglie che non risultano in regola con gli adempimenti una comunicazione scritta. Le famiglie avranno 10 giorni per presentare la documentazione. In ogni caso, i bambini (0-6 anni) saranno immediatamente riammessi a scuola nel momento in cui dimostrino di essere in regola.

10 marzo 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento