PROVINCIA DI ROVIGO L’assenza e astensione dei sindaci nell’assemblea del 4 aprile ha portato a rinviare l’approvazione del bilancio di previsione al prossimo 16 aprile alle ore 13

Slitta di 10 giorni il bilancio di Palazzo Celio

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo

La Provincia avrebbe potuto fin da subito attuare il bilancio di previsione qualora fosse stato approvato in consiglio, ma l’assemblea dei sindaci che ha visto solo 26 enti presenti, e cinque comuni astenuti al voto, ha portato allo slittamento dell’approvazione del bilancio



Rovigo - Il bilancio previsionale della Provincia di Rovigo in stand by per 10 giorni. Questo è quello che ha deciso l’assemblea dei sindaci convocata nel pomeriggio del 4 aprile dopo che il consiglio aveva cercato di approvare il documento economico.

Come già annunciato dal presidente Marco Trombini si sta parlando di un bilancio da lacrime e sangue per la Provincia (LEGGI ARTICOLO), ma che comunque vede qualche miglioramento sul fronte strade e scuole (LEGGI ARTICOLO).

Quello che stupisce il presidente di Palazzo Celio è non solo il numero esiguo di sindaci presenti, 26 su 50, ovvero la metà, “consideriamo che mancavano enti importanti come Adria poiché commissariata e Porto Tolle e Porto Viro, altri due comuni con un peso importante” evidenzia Trombini, ma soprattutto l’astensione di Gavello, Ficarolo, Rovigo, Crespino e Trecenta che non ha permesso l’approvazione del documento che avevano già ricevuto nei giorni antecedenti.

Trombini è amareggiato da questa scelta che “ha portato solo lo slittamento di un bilancio che riguarda tutto il territorio quando invece potevamo partire subito con quei piccoli investimenti che avevamo”.

Il documento passerà di nuovo in consiglio il 16 aprile alle ore 13.

5 aprile 2018
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

Animazione estiva Baseball Camp 2018