ELEZIONI COMUNE ADRIA (ROVIGO) Il Movimento 5 stelle propone come candidato sindaco l’ex consigliera comunale. Ecco la lista che la sostiene ed i temi del programma elettorale 

La squadra dei 5 stelle che punta al Comune con Elena Suman in testa 

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Sarà Elena Suman il candidato sindaco del Movimento 5 stelle ad Adria per le prossime elezioni amministrative. L’ex consigliere comunale, operatrice nell’accettazione in pronto soccorso nonché dirigente sindacale, ha deciso con la sua squadra già ben definita di puntare a ricostruire la città sui temi dell’ambiente, politiche giovanili, lavoro, crescita economica, cultura e salute


Adria (Ro) - Il Movimento 5 stelle di Adria lunedì 16 aprile ha svelato il proprio candidato sindaco che correrà per le amministrative del 10 giugno. La cosa era nell’aria ma ora è certo: si tratta di Elena Suman, ex consigliere comunale subentrata a Cristina Caniato nell’ultima amministrazione, 54 anni spostata e due figli 30 e 32anni. “Lavoro da quando avevo 14 anni, - esordisce - anche in fabbrica, poi da 20 anni faccio l’operatore nell’accettazione del pronto soccorso ad Adria e mi sono laureata lo scorso anno in scienze politiche in diritto costituzionale. Inoltre sono dirigente sindacale in Rsu del sindaco della Uil Fpl”.

La Suman fino al 2010 non è mai entrata in politica, poi è entrata a fare l’attivista per il Movimento 5 stelle: “Ho seguito diverse battaglie, la prima del 2011 contro la riconversione a carbone della centrale Enel di Polesine camerini, l’ultima quella per l’ospedale di Adria. Con le proprie forze si arriva dappertutto” racconta la candidata.
Al suo fianco erano presenti anche i candidati della lista che la sosterrà, “già conclusa al minimo con 12 candidati dal 20 marzo scorso, poi per validarla ci è voluto circa un mese”.  

A far parte della lista ci sono: Patrizia Patergnani di Mazzorno, imprenditrice impegnata anche nel settore dell’accoglienza turistica; Novella Scarparo intermediario assicurativo; Carlo Roccato, imprenditore esodato dalla Fornero, geometra già stato in commissione comunale edilizia, “finalmente ho tempo per dedicarmi attivamente al movimento a disposizione della città” afferma; Maria Cristina Uccellatori che lavora nel mondo della scuola e non ha nessuna esperienza politica; Nicola Doná, guida naturalistica da 20 anni nel Delta del Po, referente per il turismo, amico d’infanzia della Suman; Sara Cappello di Cavarzere collaboratrice di uno studio legale in diritto tributario; Norma Carletti geometra per una impresa carpenteria metallica; Fabrizio Guarnieri, tecnico informatico, neofita in politica; Giuseppina Doriana Rossi, neopensionata di Adria, ex consigliere cda in casa di riposo a Piove di Sacco in quota Rifondazione di Sacco; Claudio Bardelle da Cavarzere, consulente nel settore agroalimentare, “sogno di vedere il Polesine ecosostenibile eccellenza del biologico con Adria capitale del Polesine”. Ultima iscritta alla lista Letizia Bovo di Adria con un figlio che studia all’estero, “dal 2012 mi occupo di formazione degli adolescenti fondando l’associazione Intercultura Adria”. Poi ci sono anche Michele Furlan, Nicola Franzoso e Nicola Barbierato.

Il gruppo punta ad un programma di qualità, che tocca i temi dell’ambiente, politiche giovanili, lavoro, crescita economica, cultura e salute. “Vogliamo ricostruire Adria, che non è cresciuta come avrebbe dovuto. - conclude Suman - Abbiamo bisogno di tutti, anziani, donne, giovani, professionisti. È il momento di agire per il territorio”.
16 aprile 2018
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo