COMUNE SAN BELLINO E CASTELGUGLIELMO (ROVIGO) Il mega impianto italiano per la prima volta apre le porte a non addetti ai lavori. A scoprirlo sono stati gli alunni delle classi quarte dell’Ipsia di Badia Polesine

Il parco fotovoltaico come nuova attrazione culturale in Polesine

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo
L’impianto fotovoltaico più grande d’Italia è stato oggetto di visita degli alunni delle classi quarte dell’Ipsia di Badia Polesine che hanno visitato l’edificio foresteria interamente ristrutturato 

San Bellino e Castelguglielmo (Ro) - Nel piccolo comune di San Bellino le novità non mancano. Nella mattinata di giovedì 19 aprile, alla presenza dei sindaci di San Bellino e di Castelguglielmo, per la prima volta l'impianto fotovoltaico più grande d’Italia sito nella macroarea industriale di Castelguglielmo/San Bellino è stato aperto ai non addetti ai lavori, per la precisione ad una scolaresca polesana.

Si tratta delle classi quarte dell’Ipsia di Badia Polesine, accompagnate dai professori Luca Baldo e  Marta Mancin. Le classi sono state guidate all’interno dell’area fotovoltaica da rappresentanti della società Delos Power che gestisce in esclusiva tutte le attività di gestione e manutenzione del sito per la proprietà Tages Helios, fondo italiano di investimento alternativo immobiliare e interamente destinato a investimenti nel settore fotovoltaico in Italia.

Circa otto mesi fa, un colloquio tra il sindaco di San Bellino ed il responsabile dell’asset management della Tages Pietro Pacchione, ha prodotto idee utili per la ristrutturazione di un edificio sito nell’area dell’impianto. Oggi quelle idee sono divenute realtà e in tempi record sono state concretizzate: l’edificio foresteria è stato interamente ristrutturato e sta divenendo un centro operativo/sala controllo volto anche allo sviluppo di nuove tecnologie connesse al fotovoltaico, oltre che un luogo per la formazione, idonea per attivare il “Progetto scuole”, cioè aprire l'impianto alle scuole primarie e secondarie e ad altri soggetti interessati alla visita guidata per conoscere più da vicino le energie rinnovabili. Questo edificio foresteria viene alimentato da pannelli fotovoltaici e quindi è ad impatto zero. La proprietà ha investito sulla mobilità elettrica installando all’interno del sito colonnine di ricarica per permettere la mobilità all’interno dell’area solo con veicoli elettrici. 

Questo impianto ha una potenza di 70 MW, produce energia sufficiente a coprire il fabbisogno energetico annuale di circa 33mila famiglie ed evita l’immissione in atmosfera di circa 44mila tonnellate di CO2.
 
20 aprile 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento