ILLUMINAZIONE DOMESTICA CASTELMASSA (ROVIGO) Cittadini preoccupati per la linea elettrica che arriva in paese, che corre su tralicci vecchi, arrugginiti e datati 

Alta tensione attaccata alle case ed impianti obsoleti

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Serve manutenzione secondo i cittadini che ci segnalano lo stato delle case dei due tralicci che portano l’energia elettrica domestica in paese



Castelmassa (Ro) - Cittadini preoccupati a Castelmassa. A destare interesse è la linea dell'alta tensione che dà luce domestica a Castelmassa.

A cura di Enel Distribuzione come riporta la targhetta, direzione Triveneto, nella rurale via Investitura castelnovese la linea dell'alta tensione che arriva dalla centrale a metano ostigliese, risalente al 1968, fornisce energia alla sottostazione Cp Torricella 300229 in esercizio dal 1980, uno strategico polo aereo e di  trasformazione  a carattere interprovinciale distribuendo corrente, domestica e produttiva, in un vasto territorio. I cittadini assai preoccupati fanno notare come da lì, fra l'altro, si dirama la linea che si biforca vicino ai capannoni ex Goverpo: una va al centro urbano di Castelnovo Bariano, l'altra a Castelmassa, illuminando i due Comuni confinanti.

La seconda, ormai datata su tralicci pluridecennali arrugginiti, entra nel territorio massese in via di Mezzo, scavalcando la sr 482 Eridania nei pressi della stazione di servizio Rosta. All'incrocio della Mezzo con la 482 i fili quasi toccano una villa signorile chiusa (ex Ciquai) immersa in un parco ormai incolto: evidente il pericolo per cose e persone sulla 482 assai trafficata. 

Poi detta linea raggiunge il centro urbano massese all'inizio di via Battisti alimentando una cabina secondaria telecomandata in servizio già nell'agosto 1986, ubicata nella cintura esterna de polo agroalimentare Cargill; poi le diramazioni per le abitazioni. Pure qui impianti obsoleti a dir poco.

Per uno strano paradosso in via Argine Po, zona S. Martino, esiste l'unica casa golenale massese in rovina (ex Ganzarolli) e questa ha avuto recentemente il rifacimento della linea aerea.

Contrasto arginale ancora più stridente: a 300 metri verso Castelnovo Bariano c’è la fornace ex Meneghini, chiusa definitivamente da un biennio. Ebbene la linea ad alta tensione per alimentare lo stabilimento è stata rifatta coni tralicci a produzione praticamente ferma.

4 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo