CEREGNANO (ROVIGO) Un apporto fondamentale per la comunità, celebrata la ricorrenza della fondazione dell’Associazione anziane e pensionati 

Festeggiati i 20 anni di attività 

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo

Si è fortemente voluto creare qualcosa che rimanesse nella storia di Ceregnano azzeccando la previsione, visto che dopo 20 anni vive ancora. Bella  e partecipata cerimonia con taglio del nastro e diverse autorità presenti 



Ceregnano (Ro) - L’Associazione anziane e pensionati di Ceregnano, socia dell’Ancescao, ha festeggiato giovedì 3 maggio i 20 anni di attività. Per la lieta ricorrenza si è tenuta una serata in allegria e una cena per ricordare l’evento. 

Ha aperto la manifestazione il presidente Diego Coppo che ha accolto la cittadinanza intervenuta ed ha porto i saluti  del direttivo. Successivamente ha preso la parola la signora Giorgia Luigina Cattin, per molti anni a sua volta stata presidente e nonché una fra i soci fondatori dell’associazione e mente storica della stessa. 

La signora Cattin ha ricordato gli albori dello sparuto numero di persone che, a partire dal 1993 hanno dato forma a questa Associazione con ritrovi più o meno fortuiti per i primi incontri costitutivi per poi vedersi assegnare l’ex caserma dei carabinieri, nel frattempo liberatasi, da parte dell’allora amministrazione comunale. Si è fortemente voluto creare qualcosa che rimanesse nella storia di Ceregnano azzeccando la previsione, visto che dopo 20 anni vive ancora e con la dimostrazione di stima ed affetto dimostrata dai soci presenti  al “compleanno” durerà ancora a lungo nonostante la difficoltà di trovare persone disposte a fare volontariato per la gestione dell’attività della Associazione. 

Dopo questi due primi interventi ha parlato il vicesindaco di Ceregnano, la signora Elena dall’Oco, che oltre a portare il saluto dell’amministrazione comunale, ha anche fatto notare quanto sia importante in ambito sociale del paese un associazionismo di questo tipo, dove, persone di diverse fasce di età si ritrovano per scambiare opinioni, per passare il tempo con giochi di carte, bocce e quant’altro, per tenere aperta la mente con corsi di informatica o di manualità. Dopo la parte istituzionale, si è ripetuto  il rito del taglio del nastro come auspicio di continuità, come fosse il primo giorno di apertura, poi tutti i partecipanti hanno preso posto ai tavoli dove è stato servito un ricco buffet e per poi chiudere la serata con un brindisi collettivo.

5 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento