IMPRESE ROVIGO Il gruppo Intesa Sanpaolo presenta uno studio sull’economia del territorio provinciale, con un focus sull’ottima performance del comparto dell’acquacoltura 

Il distretto ittico del Polesine si conferma eccellenza regionale 

Deltablues 2018

Il settore agroalimentare rodigino nel 2017 ha registrato una brillante crescita nei mercati internazionali rispetto all’anno precedente, con un incremento delle esportazioni del 6%, ma è l’acquacoltura a rimanere il vero fiore all’occhiello del territorio, con il 78% della produzione veneta di vongole e il 60% dei mitili regionali. Questo è emerso dallo studio curato dalla Direzione studi e ricerche Intesa Sanpaolo sull’andamento dell’economia del Polesine che vede la provincia di Rovigo perfettamente in linea con la percentuale regionale e nazionale di imprese giovanili, e le imprese manifatturiere della provincia hanno superato i valori pre-crisi dell’11%, sviluppando un saldo commerciale di 394 milioni di euro



Rovigo - E’ stata presentata mercoledì 23 maggio a Rovigo una ricerca curata dalla Direzione studi e ricerche Intesa Sanpaolo sull’andamento dell’economia del Polesine con un focus sull’eccellenza del distretto ittico. All’incontro – tenutosi presso la sede della banca in via Mazzini – sono intervenuti il presidente Federico Meo, il vice presidente Fabio Ortolan e Giovanni Foresti con Anna Maria Moressa, curatori dello studio.

Nelle imprese del Triveneto, secondo quanto emerso da una indagine interna di Intesa Sanpaolo presso la propria rete commerciale, ci sono buoni segnali di incremento degli investimenti previsti nel 2018 soprattutto nelle imprese di media e di piccola dimensione, per il rinnovamento dei macchinari e l’ampliamento della capacità produttiva e per l’innovazione in termini di R&s, Ict, Brevetti e certificazioni. L’aspetto che rimane da potenziare è l’accelerazione delle competenze digitali delle risorse interne delle aziende: solo una impresa su cinque avrebbe già intrapreso percorsi di formazione mirati e si tratterebbe per lo più di imprese di medie dimensioni. E’ necessario anche “ringiovanire” la gestione aziendale con l’immissione di giovani sotto i 35 anni. La provincia di Rovigo è perfettamente in linea con la percentuale regionale e nazionale di imprese giovanili, con una percentuale del 9, 3%.

Tra il 2011 e il 2016 un gruppo di imprese “Champion” si è affermato per particolari performance di crescita, per aumento dell’occupazione, per buona patrimonializzazione, per crescita della redditività. Nella sola provincia di Rovigo ci sono 81 imprese di cui 34 del manifatturiero, 11 dell’agroalimentare e 11 della distribuzione.

Nel 2017 con 1,4 miliardi di euro di esportazioni, le imprese manifatturiere della provincia di Rovigo hanno superato i valori pre crisi dell’11%, sviluppando un saldo commerciale di 394 milioni di euro. A trainare la crescita i principali comparti manifatturieri: la meccanica con 292,8 milioni di euro di esportazioni nel 2017, l’agroalimentare con 275,9 milioni di euro, la Chimica con 183,8 milioni di euro e la produzione di gomma e plastica con 125,1 milioni di euro. Una segnalazione particolare va fatta per gli aumenti registrati nelle esportazioni di alcuni settori come la Farmaceutica, le Forniture dentistiche e l’Elettronica in cui operano aziende particolarmente dinamiche e innovative.

Il settore agroalimentare rodigino nel 2017 ha registrato una brillante crescita nei mercati internazionali rispetto all’anno precedente, con un incremento delle esportazioni del 6%, grazie al contributo delle bevande (+26,5 milioni di euro). I principali mercati di sbocco sono stati la Francia, che ha registrato una crescita a doppia cifra tra il 2017 e il 2016, la Germania e la Spagna.

La filiera ittica veneta dimostra una spiccata specializzazione nell’acquacoltura che con i suoi addetti rappresenta il 38,6% del totale nazionale (censimento 2011). All’interno della regione le principali province dove si concentrano anche le attività di pesca sono Rovigo e Venezia, con una flotta di 659 barche concentrata nelle marinerie di Chioggia, Polesine, Caorle e Venezia. Nel generale ridimensionamento della flotta veneta avvenuto tra il 2006 e il 2016, il Polesine ha subito un minor calo di imbarcazioni ed ha incrementato la potenza motore e la stazza delle stesse.

Nel distretto Ittico del Polesine e del Veneziano operano 3.328 imprese (2016) di cui il 46% nell’acquacoltura, dove tra il 2006 e il 2016 si è registrato il maggiore impulso sia in termini di Imprese (+758 nel Veneto) che di occupati (+1.696). Nella produzione ittica prevale il mercato di Chioggia, seguito da quello di Pila-Porto Tolle; quest’ultimo fornisce il 50% del pesce azzurro regionale e il 44% dei molluschi.

L’acquacoltura del Polesine rimane il vero fiore all’occhiello dell’area, con il 78% della produzione veneta di vongole e il 60% dei mitili regionali. Si sta facendo strada sempre più la coltura in mare aperto, la cui produzione è triplicata tra il 2006 e il 2016 e rispetto alla coltura in laguna consente l’utilizzo di impianti più innovativi e redditizi. Tra i prodotti ittici il mercato dei molluschi, sia vivi sia conservati, è quello che si è sviluppato maggiormente sui mercati internazionali, sia nelle esportazioni (29,5 milioni di euro nel 2016) sia nelle importazioni (226,4 milioni di euro), a conferma di una domanda crescente del mercato interno.

Nel 2017 il distretto Ittico del Polesine e del Veneziano ha toccato i 102,8 milioni di esportazioni, con una crescita del +20% rispetto ai valori del 2008 e in sostanziale stabilità rispetto all’anno precedente: da una parte è aumentato l’Ittico Veneziano (+0,8%) dall’altra l’ittico rodigino è leggermente calato (-2,1%). Interessante anche osservare come l’aumento complessivo delle importazioni del distretto (+3,4%) sia da imputare principalmente all’importazione di pesci, crostacei e molluschi lavorati e conservati.

Infine l’analisi del campione interno di imprese appartenenti al distretto (si tratta di 76 società di capitale per un totale di 892,1 milioni di fatturato nel 2016), restituisce un quadro di assoluta eccellenza: si osserva infatti che il fatturato è cresciuto (valore mediano) in modo brillante sia nel lungo (+34,4% tra il 2008 e il 2016) che nel breve periodo (+9,7% tra il 2015 e il 2016).

23 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento