COLDIRETTI ROVIGO Dopo il maltempo arriva il caldo e matura la frutta nelle campagne polesane, l’appello del presidente dell’associazione “a consumare ciò che producono le nostre terre”

Fragole, albicocche, ciliegie: è l’ora della salute a km 0

Deltablues 2018

Torna il sereno ed aumenta la dolcezza della frutta di stagione. Ragione per consumare fragole, albicocche, ciliegie, susine e gli altri frutti di stagione offerti dalle nostre campagne, che garantiscono una produzione da primato per qualità e sicurezza alimentare



Rovigo - Finalmente il caldo favorisce la maturazione della frutta, in ritardo a causa del freddo e delle precipitazioni non stop che hanno segnato il mese di maggio, rendendola anche più dolce e gustosa. Con l’arrivo dell’anticiclone africano Scipione e l’aumento delle temperature, terminano le precipitazioni in gran parte della penisola ed in Polesine. “L’innalzamento delle temperature – sottolinea il presidente provinciale di Coldiretti, Carlo Salvan - favorisce l’aumento della concentrazione zuccherina nella frutta e consente anche di recuperare i ritardi accumulati nella raccolta che nel nostro territorio raggiungono quasi due settimane per angurie e meloni. Si tratta di una ragione in più - prosegue - per consumare fragole, albicocche, ciliegie, susine e gli altri frutti di stagione offerti dalle nostre campagne, che garantiscono una produzione da primato per qualità e sicurezza alimentare”. 

Un’opportunità per rispondere alla svolta salutistica dei consumatori con la crescente attenzione al benessere a tavola, ma anche un gustoso mezzo per combattere l’afa e reintegrare nel modo più naturale i liquidi e i sali minerali persi con la sudorazione. A spingere la domanda è anche la rivoluzione in atto sulle tavole degli italiani dove l’affermarsi di smoothies, frullati e centrifugati consumati al bar o anche a casa grazie alla disponibilità di tecnologie casalinghe low cost, dalle centrifughe agli essiccatori, che aiutano a far apprezzare cibi salutari anche ai più piccoli. Il risultato è il record del decennio fatto registrare nei consumi di frutta e verdura delle famiglie italiane arrivati a 8,52 miliardi di chili nel 2017 con un aumento del 2,2% rispetto all’anno precedente ed una storica inversione di tendenza rispetto al passato. “Per il rifornimento di frutta di stagione – conclude Carlo Salvan – consigliamo ai consumatori di acquistare direttamente dai produttori agricoli presenti oggi al mercato coperto di campagna Amica in Tassina ed in tutti gli altri mercati del territorio, con prodotti freschi, appena raccolti. Un’ulteriore garanzia di sicurezza e salubrità”. 

27 maggio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento