SOCIALE BADIA POLESINE (ROVIGO) Tra festival, premi, nuove collaborazioni e progetti, il gruppo Lemm compagnia di danza integrata della cooperativa Altrinoi è sempre movimento

La danza che include e regala emozioni 

Deltablues 2018
Il linguaggio della danza riesce a stabilire una rete di relazioni tra ragazzi con disabilità e artisti ed è per questo che il gruppo Lemm sta portando avanti questo progetto coinvolgendo i ragazzi in festival, nuove collaborazioni e progetti

Badia Polesine (Ro) - “La danza non è un’arte per avere successo, ma un dono per dare agli altri un’emozione”.  Fin dalle origini, è questa riflessione di Cunningham lo “slogan” che rappresenta il gruppo Lemm, compagnia di danza integrata nata nel 2010 dall’idea di un percussionista e di una danzaterapeuta, inizialmente come attività dell’associazione Hdemia, poi come progetto stabile della cooperativa Altrinoi.

La cooperativa Altrinoi, che da anni sotto la presidenza di Cristian Galuppi gestisce il servizio del centro Essagi, ha sempre dato particolare risalto all’arte e ai suoi molteplici linguaggi, come via e forma di espressione significativa per la valorizzazione della persona nella sua unicità. Sulla base di tali convinzioni da anni sostiene anche il progetto Lemm (Libera espressione movimento musica) che attraverso il linguaggio della danza riesce a stabilire una rete di relazioni tra ragazzi con disabilità e artisti o semplicemente appassionati di questo linguaggio.

Il gruppo Lemm è stato selezionato per l’open day “danza e teatro” del Festival internazionale delle abilità differenti 2018. Il 3 maggio il gruppo è salito sul palcoscenico del teatro “Asioli” di Correggio (Re) per partecipare al festival con lo spettacolo “E Faos… verso la luce” e ha ricevuto una menzione speciale per gli “effetti scenografici”.

La direzione artistica del Lemm è di Elena Guzzon, danzaterapeuta e fondatrice del gruppo, attualmente con la collaborazione di Andrea Zanforlin, attore e teatroterapeuta, e degli altri colleghi della cooperativa ognuno per la specificità del proprio settore. Il gruppo Lemm si ritrova a cadenza settimanale, il lunedì pomeriggio, presso i locali dell’Istituto Caenazzo. Dopo una prima fase laboratoriale e di sperimentazione ci si sofferma in un tempo di preparazione e di creazione di spettacoli e performance che diano la possibilità di esprimersi in una dimensione sociale. Il palcoscenico è il luogo dell’incontro tra chi danza e chi è spettatore, ed è lì che si stabilisce un ponte che permette di donare e scambiarsi reciprocamente emozioni.

Durante l’anno formativo 2017/2018, grazie alla collaborazione dell’istituto Levi di Badia Polesine, il gruppo Lemm ha inoltre potuto fare una nuova esperienza “aprendo le porte” e accogliendo quattro studentesse dell’indirizzo di scienze umane, arricchendosi ed espandendo così la possibilità di collaborazione e di formazione nel territorio. Le ragazze hanno scelto di svolgere le loro ore di alternanza scuola/lavoro con la cooperativa Altrinoi per i servizi di centro Essagi e gruppo Lemm; con quest’ultimo hanno modo di conoscere, sperimentare e condividere nuove modalità di relazione con l’altro, mediante il gesto, il movimento, l’espressione corporea. A conclusione dell’esperienza verrà realizzato un video con le riprese della performance di danza dal titolo “Punti di vista, punti di incontro” che si ambienterà nella suggestiva location dell’Abbazia della Vangadizza. Alla realizzazione del video parteciperanno anche altre ragazze della stessa classe, che si cimenteranno nei ruoli di videomaker e cureranno quindi sia le riprese che il montaggio finale.
6 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento