JU JITSU BADIA POLESINE (ROVIGO) Soddisfazione per Giovanni Spedo, classe 1996. Il sindaco Rossi: “I suoi risultati non possono che riempire d’orgoglio i concittadini che hanno visto crescere questo ragazzo.”

Giovanni Spedo cintura marrone seconda striscia

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Acrobazie, tecniche ed impegno sono gli ingredienti che hanno permesso a Giovanni di conseguire la prestigiosa seconda striscia, frutto di mesi di allenamento e fatica. 


Badia Polesine (Ro) - Grandi emozioni nella palestra della Asd Jujitsu Badia Polesine per l’esame di Giovanni Spedo che ha permesso all’atleta badiese (classe 1996) il conseguimento della cintura marrone seconda striscia. Presenti all’esame un folto gruppo di amici e famigliari: papà Pierantonio Spedo, mamma Mara Terazzan, le sorelle Anna e Sara Spedo, i nonni Alberto Terazzan, Mirella Gherardini, Tiberio Spedo, Luciana Beggiato. Particolarmente emozionante il discorso finale di Giovanni che ha ringraziato i presenti e dedicato la cintura ai nonni. “Il primo incontro con Giovanni - racconta Roberto Cappello, presidente della della Asd Jujitsu Badia Polesine - è avvenuto una sera d’estate in occasione di una dimostrazione in piazza. Ad un certo punto vedo questo bimbo, che all’epoca aveva 9 anni, fare delle capriole sul tatami. Fu un colpo di fulmine sia per lui che per me. Pochi mesi dopo si è iscritto ed ha continuato fino al 2012. E’ seguito uno stop di qualche anno dovuto agli studi per poi riprendere nel 2017 con rinnovata energia e motivazione. I risultati sono ottimi ed oggi la cintura nera appare sempre più vicina.” 

L’atleta, che da vari anni si dedica a questa disciplina, partecipa a gare interregionali di Ju Jitsu nelle specialità del settore, del Fighting System, del Ne Waza ed ora, con questa promozione, ha acquisito uno stimolo in più per continuare brillantemente in questa attività sportiva. “I risultati di Spedo - ha commentato il sindaco di Badia Giovanni Rossi - non possono che riempire d’orgoglio i concittadini che hanno visto crescere questo ragazzo.”

 

 

9 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Deltablues 2018