ADRIA (ROVIGO) Studenti dell’Istituto superiore Cristoforo Colombo a lezione di canoa nel Delta. Sono state realizzate complessivamente 6 giornate 

Mentalità “Eco” per gli alunni sotto il segno dello sport

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Sono stati coinvolti oltre 100 alunni suddivisi nelle varie scuole, ai quali sono stati insegnati  i primi rudimenti sull’uso della pagaia e la tecnica per governare e condurre una canoa/kayak.

Un lavoro di squadra tra docenti, istituzioni ed associazioni per un progetto molto bello ed apprezzato dagli studenti 


Adria (Ro) - Si è conclusa brillantemente l’esperienza degli studenti dell’Istituto Superiore C. Colombo di Adria che li ha visti protagonisti nel progetto sportivo intitolato “a scuola di canoa “, mini corso di avviamento  per imparare a condurre una canoa/kayak, iniziato nel mese di maggio e conclusosi in giugno nell’ultima settimana di scuola.

L’idea è nata dal docente di Scienze Motorie e Sportive Moreno  Dentello, il quale ha pensato di introdurre all’interno delle proprie  lezioni curriculari alcuni momenti didattici dedicati a questo fantastico ed affascinante attrezzo sportivo, il kayak, appunto.

Obiettivo generale è stato quello di fare sviluppare nell’alunno, capacità motorie in relazione al territorio, convinto che l’attività fisica in ambiente naturale permette di unire l’esigenza del movimento  in ambiente sano con quella di approfondimento e conoscenza della natura e del territorio acquisendo così, una mentalità “Eco”.

L’Educazione Fisica  e le attività motorie in genere si legano in sinergia con l‘ambiente riuscendo a proporre situazioni motorie  sempre diverse e stimolanti per i ragazzi.

Sono state realizzate complessivamente 6 giornate (4  ore al mattino) denominate “giornate azzurre” dedicate appunto all’elemento acqua.

Sono state coinvolte 6 classi appartenenti specificamente ai tre istituti che formano il Colombo  e precisamente;  classe 5^A , 1^E e  2^D  dell’Istituto superiore sede di Adria, classe 5^A manutenzione  dell’Ipsia di Porto Tolle e la fusione delle classi prime e seconde aderenti al progetto sportivo Pon dell’istituto Turistico di Porto Viro.

Complessivamente sono stati coinvolti oltre 100 alunni suddivisi nelle varie scuole, ai quali sono stati insegnati  i primi rudimenti sull’uso della pagaia e la tecnica per governare e condurre una canoa/kayak.

Le attività si sono svolte per le classi di Adria e Porto Tolle durante le ore del mattino dalle ore 9.30 alle ore 13.30 ( 4 ore ), mentre per le  classi del “Turistico” di Porto Viro, nelle ore del pomeriggio all’ interno del progetto” Pon “  dalle ore 14.00 alle ore 17.00.

E’ stata, a detta degli studenti,  una attività entusiasmante, divertente e coinvolgente, diversa dalle altre lezioni  di motoria, in quanto è riuscita a mettere in sintonia la vivacità del corpo con i ritmi lenti della natura.

I luoghi scelti per fare pratica,  sono stati rispettivamente,  per la scuola di Adria, il Canal Bianco e lo spazio acqueo del centro  storico della città, per l‘Ipsia di Porto Tolle, è stato scelto uno scorcio della bellissima e suggestiva Sacca del Canarin di Polesine Camerini nel Delta del Po e per la scuola Turistico Sportivo di Porto Viro  le acque calme del porto/ darsena  sul Po di Venezia e la golena adiacente.

Programmare le giornate di attività pratica, rispettando gli impegni didattici già in calendario nelle tre scuole, intrecciare le disponibilità delle risorse umane  e mettere insieme tutti i permessi e autorizzazioni necessarie non è stato facile, ma visto l’ interesse e la partecipazione di massa degli studenti direi che ne è valso assolutamente la pena… 

L’istituto ci tiene a ringraziare l’associazione sportiva dilettantistica 45° Parallelo outdoor sport Delta Po la presidente Ramona Pregnolato,  per la messa a disposizione gratuita di tutto il materiale occorrente, canoe/kayak, giubbotti, pagaie e il carrello trasporto per gli spostamenti tra le scuole e per il gommone appoggio per l’assistenza, oltre al Gruppo Canottieri Adria del presidente-istruttore Matteo Beltrame e Renzo Guarnieri  per la messa a disposizione della sede nonché  per la presenza durante le uscite nelle acque del centro di Adria.

Un grazie va rivolto anche ai docenti accompagnatori: Renzo Manfrin e Elia Oronzo per la sede di Adria, Giuseppe Ventura per la sede di Porto Viro e Leonardo Zocchi per la sede Ipsia di Porto Tolle.

Alcuni progetti per la complessità  dell’organizzazione possono realizzarsi anche e soprattutto grazie alla disponibilità di “volontari” che credono nella crescita degli studenti, il riferimento è allo sportivo Cosimo “Mimmo” Ruggia per la sua disponibilità a guidare il gommone assistenza e Lorenzo Marangoni  per la messa a disposizione e conduzione gratuita dei pulmini trasporto dell’associazione Delta Porto Tolle per la lezione pratica della classe 5^A Ipsia alla Sacca del Canarin.

Tutto questo, non si sarebbe potuto realizzare se non ci fosse stata la convinzione reale da parte della dirigente dell’istituto C. Colombo  Cristina Gazzieri e dei suoi collaboratori vicari delle altre sedi, Armanda Tosato e Daniela Boscolo nel rilasciare le necessarie autorizzazioni.

13 giugno 2018
Studio legale Fois 468x60




Tags

Correlati:

Deltablues 2018