Rovigo Oggi

Il Comune è in regola con il calcolo della Tari 

PALAZZO NODARI ROVIGO L’ente avvisa che, a differenza di altri Comuni, come sta riportando in questi giorni la stampa nazionale, nei nostri confini comunali non vi sarebbero irregolarità nella tariffa

Il Comune di Rovigo avvisa la cittadinanza che, in merito al calcolo della tariffa sui rifiuti (Tari) non vi sarebbero state irregolarità, come successo in altri Comuni d’Italia



Rovigo – Con riferimento alle notizie comparse recentemente sulla stampa in ordine al calcolo della quota variabile della tariffa sui rifiuti il Comune di Rovigo rende noto che ha sempre calcolato la Tari una sola volta considerando l'intera superficie dell'utenza composta sia dalla parte abitativa che dalle pertinenze situate nel comune. 

Si escludono, pertanto, duplicazioni della quota variabile per garage, cantine e altre pertinenze. Il riscontro circa la correttezza di detto calcolo emerge chiaramente dalla bolletta ricevuta a domicilio da ciascun utente, in cui viene valorizzata l'ubicazione dell'immobile, il numero di abitanti e la superficie totale dell'abitazione (comprensiva, pertanto, di eventuali pertinenze).

Segue, poi, l'indicazione della quota fissa, della quota variabile (quest’ultima calcolata ed indicata, quindi, una sola volta), del tributo provinciale e di eventuali arrotondamenti. Si conferma, pertanto, che l'operato del Comune di Rovigo è assolutamente conforme alla legge

14 novembre 2017