Rovigo Oggi

Un bel connubio tra sport e tradizione culturale

MOTOCROSS A Rosolina Mare (Rovigo) pienone per festeggiare la Befana in modo particolare nella 16esima edizione della Ruspadina

Tante le famiglie con bambini che giocavano sulla sabbia ai Bagni dal Moro e numeroso il pubblico spalmato a bordo pista che immortalava, filmava e ammirava  i piloti con un palmares di tutto rispetto.


Rosolina Mare (Ro) - Mai vista così tanta  gente d’inverno a Rosolina mare, al punto da sembrare una giornata primaverile. Non tanto per la temperatura, quanto per l’afflusso delle persone che si sono recate lungo il lido balneare per vedere sfrecciare le moto sulla sabbia e ammirare il brusavecia in piazza San Giorgio. Uno spettacolo. Numerosi infatti i team sportivi approdati nel lido balneare per gli allenamenti sul  tracciato di 1200 metri: toscani, friulani, lombardi, trentini, emiliani e veneti. Tutti protagonisti della 16esima edizione della ruspadina della befana. Il bel connubio tra sport e tradizione culturale. La ruspadina infatti, identifica nel dialetto veneto,  l’effetto della sabbia che si alza al passaggio della moto e il brusavecia (il rogo  del fantoccio di paglia con le sembianze della befana) come da tradizione territoriale, segna la fine delle vacanze di Natale e l’inizio di un nuovo anno solare. Tante le famiglie con bambini che giocavano sulla sabbia ai Bagni dal Moro e numeroso il pubblico spalmato a bordo pista che immortalava, filmava e ammirava  i piloti con un palmares di tutto rispetto. Per fare qualche esempio il vicentino Michele Cervellin (il boeing 747) numero 2 del ranking nazionale degli assoluti, il veronese Filippo Zonta (la pantera), Marco Paganini e tra le giovani promesse la veneziana Giorgia Blasigh. Tra il pubblico a distribuire dolci e dolcetti, lei, la befana del moto club Rosolina mare, il sodalizio organizzatore dell’evento del 6 gennaio. Nel pomeriggio sono state disputate anche delle manche sportive dimostrative tra i piloti presenti, commentate al microfono da Fabio Gastaldello in arte Bob. A sorvegliare e monitorare il circuito di allenamento, una ventina di volontari sbandieratori del moto club locale guidato da Alessio Martinello “E’ stata una giornata positiva con piloti di grande calibro che si sono allenati in un tracciato  che sarà lo stesso della supermarecross. La manifestazione di motocross inserita nel calendario della FMI, valevole  come prima tappa itinerante del trofeo Di Stefano per l’assegnazione dei titoli Italiani Supermarecross e Supermare Quadcross dei campionati internazionali d’Italia su sabbia”. Kermesse prevista il prossimo 25 febbraio. Verso le 17.30 si è svolto in piazza San Giorgio  il tradizionale brusavecia tra cioccolata, vin brulè, pane e salsicce.Evento organizzato dal comitato cittadino locale. Coda di traffico per il rientro delle 18 per i tanti rosolinesi che non volevano perdersi il brusavecia previsto alle 18.30 negli spazi antistanti il palazzetto dello sport di Rosolina.

 

 

7 gennaio 2018