Rovigo Oggi

Ventitré incontri in nome del futuro dell’uomo 

FESTIVAL BIBLICO ROVIGO Dal 16 al 20 maggio torna in città la quinta edizione tra incontri, celebrazioni, film, teatro e conversazioni 

Sarà il futuro il tema della quinta edizione del festival Biblico a Rovigo che porterà nel weekend dal 16 al 20 maggio incontri, celebrazioni, film, teatro e conversazioni 



Rovigo - Torna a Rovigo, per la quinta edizione, il Festival Biblico che si svolgerà in città dal 16 al 20 maggio. Il tema scelto è quello del futuro, il grande mistero su cui l’uomo si interroga da sempre ed il motivo più forte di apertura, attesa, immaginazione, commino insieme. 

Il futuro va immaginato, sperato e agito, colto nei segni che lascia in anticipo di sé. Guardare in avanti verso un futuro da costruire, con l’aiuto degli occhi della ricerca e dell’espressione. In questa prospettiva, l’edizione rodigina si muoverà su tre percorsi: promessa e stupore, profezia e speranza che andranno a sondare l’assenza di un percorso in cui l’uomo-creatura cerca, spesso senza saperlo, l’incontro  motivante con il suo Creatore, nascosto tra le pieghe della storia, ma sempre presente. 

“Un tema concreto, coinvolgente perché attuale. Ad oggi c’è la difficoltà di intravvedere un futuro” è stato il commento del vescovo Pierantonio Pavanello presente alla conferenza stampa del Festival assieme all’assessore alla cultura di Rovigo Alessandra Sguotti e Virgilio Santato, presidente della Fondazione per lo sviluppo del Polesine sul Maggio Rodigino. 

A Rovigo il Festival biblico, promosso dalla Diocesi di Adria e Rovigo, animerà le piazze, le sale e le strade: è il risultato della collaborazione di tante realtà e associazioni che si sono coinvolte non per presentare o mettere in mostra quello che già fanno, ma per fare qualcosa di nuovo insieme agli altri. 

Sarà una proposta aperta a tutti con i linguaggi che possono giungere alla situazione di vita di ragazzi, giovani, adulti ed anziani in un contesto comune che verrà espresso - come si è detto - con incontri, celebrazioni, film, teatro e conversazioni. 

La Bibbia farà da specchio e trasformerà ogni sguardo in possibilità di ricerca personale e collettiva. 

11 maggio 2018