CALCIO La lezione al palazzetto dello sport di Stefano Bonaccorso

Dal vivaio alla prima squadra, un percorso educativo

Stefano Bonaccorso e gli Esordienti del Duomo
Stefano Bonaccorso
Baccaglini VW locator




Al palazzetto dello sport due outsider per parlare del valore educativo del calcio: Stefano Bonaccorso e Lucia Castelli



Rovigo - Il calcio è stato il protagonista della giornata a tema “Il valore educativo dello sport”, tenuto il 23 marzo al palazzetto dello sport rodigino da Stefano Bonaccorso e Lucia Castelli, rispettivamente responsabile dell’attività di base del settore giovanile dell’Atalanta e psicopedagogista consulente della società orobica. A beneficiare delle nozioni di mister Bonaccorso sono stati i giovani Esordienti del Duomo, con dimostrazione pratica di situazioni di gioco cui ben volentieri si sono prestati i ragazzi accompagnati dai dirigenti della società di Veronese. Dopo l’attività pratica Bonaccorso ha discusso con gli allenatori di calcio polesani, che hanno avuto la possibilità di interloquire con il responsabile tecnico della scuola calcio dell’Atalanta, il cui compito è quello di formare i calciatori per inserirli nella prima squadra allenata da Luigi Del Neri e di identificare nel proprio marchio la società che valorizza i giovani. Nella scorsa stagione, 22 giocatori provenienti dal vivaio Atalanta hanno giocato in serie A, 32 in quello di B e 3 all’estero. Infine, il teatro di Boara Polesine ha ospitato l’incontro chiamato appunto “Il valore educativo dello sport” dove i dirigenti, ma dovevano essere presenti anche i genitori, veri beneficiari di queste nozioni, hanno potuto condividere esperienze, idee e proposte, intorno ad un tema, quello dell’educazione e della formazione dei giovani davvero fondamentale.
“Facendo sport emergono benefici per tutti: tirare fuori il meglio di sè, il proprio talento, l’essere appassionati a qualcosa, il porsi degli obiettivi che implica il sacrificio, perchè non si vince da soli ma ci vuole una squadra” ha detto Lucia Castelli.
“E’ stato un incontro - ha sottolineato l’assessore Giovanni Cattozzi - al quale ne seguiranno altri, formativo e qualificante per le nostre realtà sportive che hanno potuto ulteriormente arricchirsi nel percorso sportivo-formativo che quotidianamente affrontano”.
Attiva la sezione polesana dell’Aiac che sta organizzando una duplice serata, come quella dello scorso anno quando parteciparono i tecnici Alberto Zaccheroni e Mario Beretta, in collaborazione con la rivista “il Nuovo Calcio”: il 20 aprile ad Adria sarà presente Andrea Mandolini allenatore del Sassuolo e il 27, sempre ad Adria, l’ex allenatore del Bologna Daniele Arrigoni.
24 marzo 2009
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento