SANITA' ROVIGO Guglielmo Brusco chiama in causa Renzo Marangon come esponente dell'Udc per salvare le sorti del nosocomio di Trecenta

Promesse non mantenute ma intanto si spreca

Baccaglini VW locator

Guglielmo Brusco, vicepresidente della Provincia di Rovigo, rivendica le promesse fatte dall'assessore regionale Isi Coppola e dall'ex assessore Renzo Marangon per il potenziamento dell’ospedale di Trecenta. L’Ulss 18 a Castelmassa ha rinnovato l'accordo con il Centro attività motoria di Rovigo per il servizio di fisioterapia al costo di 360mila euro l’anno per 3 operatori



Rovigo - “Che fine hanno fatto le promesse fatte dagli assessori regionali?”. Dal cassetto l’assessore alla sanità provinciale Guglielmo Brusco tira fuori alcuni documenti in cui Renzo Marangon, all'epoca assessore regionale, e Isi Coppola, ancora oggi assessore a Venezia, promettevano al Polesine sviluppo per il San Luca di Trecenta. 

 

“Ma i fatti non sono mai arrivati - afferma Brusco - precisamente c’è stata una continua riduzione dei servizi all’ospedale dell’Altopolesine”. Brusco, continua a puntare il dito contro la politica e precisamente contro la giunta regionale e ai rappresentati della provincia rodigina che “in consiglio regionale non fanno nulla per salvare Trecenta”. L’assessore allenta la morsa sul direttore generale dell’Ulss 18 Adriano Marcolongo, non unico imputato di tutta la vicenda.

 

Ad essere chiamato in causa nelle sue nuove veste di rappresentante dell’Udc è Renzo Marangon. “Chiedo che possa farsi portavoce in consiglio regionale tramite i rappresentati del proprio partito al fine di aumentare la pressione sul futuro del nosocomio - spiega Brusco - Le forze di opposizione a palazzo Balbi sono le uniche che possono fare qualcosa per l’Altopolesine”. 

 

Infine Guglielmo Brusco, annuncia che l’Ulss 18 ha rinnovato l’accordo con il Centro attività motoria di Rovigo per il servizio di fisioterapia a Castelmassa. “Cifre folli - afferma Brusco - 30mila euro al mese, 360mila euro l’anno per 3 operatori. Una pazzia. L’Ulss 18 al posto di appaltare il servizio con quei soldi poteva assumere almeno 10 fisioterapisti”.

30 dicembre 2011
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento