ELEZIONI COMUNALI 2013 PORTO TOLLE (ROVIGO) Ivano Gibin (Gipt) replica ad Attilio Pezzolato (Psi) accusandolo di nascondere la verità per non ammettere il fallimento politico

Prima le fa e poi le disfa

Confartigianato evento 21 novembre 2018

Puntuale la replica di Ivano Gibin (foto a lato), del Gruppo indipendenti Porto Tolle e Polesine, alle piccate bordate di Attilio Pezzolato del Psi locale (leggi articolo). Pezzolato, dice Gibin, attacca facendo finta di fare analisi politica, "così nasconde il suo fallimento". E racconta altri particolari sulle primarie che non erano ancora stati svelati

Leggi l'articolo sui candidati a Porto Tolle



Non è facile abituarsi alle volgari strumentalizzazioni politiche di Pezzolato Attilio, sovrano di quello che resta, del Psi Porto Tolle.

Il mago Pezzolato, con la sua nuova arte, riesce a nascondere la verità e nella risposta all’articolo di Luigino Zanetti, non fa analisi politica, ma nasconde il suo fallimento, attaccando in modo personale e gratuito componenti politiche civiche che sostengono il candidato a sindaco Bellan, le quali, hanno firmato e sottoscritto lo stesso “Patto dei progressisti e moderati” del garante delle primarie, oltre che segretario dei garanti, signor Pezzolato.   

Perciò caduta di stile e tradimento all’accordo, non solo messo in atto dall’allieva socialista Mantovani e dal candidato Pizzoli ma architettato proprio da Pezzolato, che ormai affetto da perdita di lucidità politica, sentenzia e giudica imbastendo le falsità nascoste.

Bene, perché non spiega, che fu proprio lui a pretendere, in qualità di garante della primarie, che i tre candidati firmassero un documento dove accettare il risultato del voto, riconoscendo il vincitore e impegnandosi a lavorare per l’unità e il risultato della lista?

Viva la coerenza e proprio il signor Pezzolato vuole oggi dare lezione parlando di trasformismo? Non si vuole demonizzare nessuno, ma ci risparmi lezioni professore, siamo stanchi d’ascoltare da anni le solite litanie, la gente pretende un minimo di serietà e la democrazia si rispetta. Le primarie sono l’esempio più chiaro e corretto per scegliere un candidato a sindaco, in un partito o in una coalizione, e se pensiamo che l’artefice delle primarie di coalizione è stato proprio Pezzolato, allora il tutto è grottescamente ridicolo e si commenta da solo. 

Poi imbastire ancora discussioni su ex, andrebbe spiegato, senza falsare la verità, ex margherita Gibin, certo la margherita ha chiuso il suo percorso trasformandosi e fondendosi nel Pd, scelta da me non condivisa, perciò entrato nella Lega Nord, e allora? 

Anche come fondatore del “Gruppo indipendenti Porto Tolle e Polesine” non si è mai persa la stima per il lavoro di Tosi e allora? 

Abbiamo firmato un accordo politico programmatico con la condivisione del candidato a sindaco Bellan, la partecipazione alla lista resterà civica come resterà civica la presenza di eventuali consiglieri comunali eletti, diversamente nella Finotti, partiti che ne facevano parte, chiusero il loro percorso politico, fondendosi e trasformandosi e di conseguenza ci furono alcuni scenari cambiati, ma al buon Pezzolato conviene travisare la verità per nascondere, o meglio provare a nascondere, il suo imbarazzo.

Stia tranquillo che il tempo e i cittadini saranno giudici imparziali sulla vostra volontà di non rispettare il giudizio democratico, sancito nella partecipazione di oltre 2000 persone nelle primarie, Pezzolato non riuscirà questa volta a mascherare i salti olimpionici, usando la strategia scorretta degli attacchi personali.
 

email inviata da
Ivano Gibin
Gruppo indipendenti Porto Tolle e Polesine










 

4 maggio 2013
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Baccaglini VW locator

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento