ISTRUZIONE ROVIGO Giovedì 12 settembre 9.578 studenti delle superiori tornano sui banchi. Gli assessori provinciali Leonardo Raito e Oscar Tosini hanno presentato gli interventi di edilizia eseguiti nei plessi polesani

Nelle scuole solo manutenzione d'emergenza prima del rientro

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento
Ogni anno la Provincia di Rovigo stacca un assegno di circa 2,5 milioni di euro per assicurare il funzionamento dei 53 edifici scolastici superiori. Giovedì 12 settembre suonerà la prima campanella per quasi 10mila studenti delle scuole superiori. E in alcuni istituti ci saranno delle novità. All’Itc di Porto Viro, all’Itc Maddalena di Adria, agli istituti Celio Roccati di Rovigo, Enzo Bari e Primo Levi di Badia Polesine sono stati realizzati degli interventi di sistemazione dei plessi. Altri lavori, resi necessari dai danneggiamenti causati dalla tromba d’aria in Altopolesine, saranno portati a termine ad anno scolastico iniziato

Rovigo - Quasi 10mila studenti, 9.578 per la precisione, 112 in più rispetto allo scorso anno, divisi per 470 classi alcune delle quali sono state ristrutturate nelle scorse settimane. Si apre con questi numeri l’anno scolastico 2013/2014 per l’esercito di studenti delle scuole superiori che da giovedì 12 settembre torneranno tra i banchi di scuola.
Alcuni di loro troveranno delle strutture più accoglienti di come le avevano lasciate dato che durante l’estate sono stati realizzati svariati interventi di sistemazione degli edifici da parte della Provincia. E ad illustrarli, lunedì 9 settembre, è stato l’assessore ai Lavori pubblici Oscar Tosini, affiancato dall’assessore all’Istruzione Leonardo Raito.

Cambio di serramenti all’Itc di Porto Viro, tinteggiature all’Itc Maddalena di Adria, riconversione energetica degli istituti Celio Roccati di Rovigo, Bari, Primo Levi di Badia Polesine sono alcuni dei lavori portati a termine. A questi si sono aggiunti gli interventi di emergenza per i danneggiamenti causati dalla tromba d’aria del 14 agosto, “in particolare - ha spiegato Tosini - i lavori riguardano la palestra della scuola Bari di Badia e la sistemazione delle piante che contornano gli edifici. Si tratta di lavori che stiamo concludendo in questi giorni e che non interferiranno con l’inizio del nuovo anno scolastico”.
Alle opere elencate mancano ancora due progetti che saranno approvati dalla giunta provinciale entro il 15 settembre. Riguardano l’eliminazione dell’amianto dagli edifici della palestra Parenzo di Rovigo e dall’istituto alberghiero Cipriani di Adria. “Nei mesi scorsi l’amianto presente è stato reso inoffensivo - ha puntualizzato l’assessore - nel progetto che andremo ad approvare è prevista la rimozione del materiale”.

Ogni anno la Provincia stacca un assegno di circa 2,5 milioni di euro per assicurare il funzionamento dei 53 edifici scolastici superiori. “Una superficie complessiva di 121.953 mq o mille appartamenti da 120 mq formata da sedi, succursali e palestre” ha ricordato Tosini che apre una spina nel fianco dell’amministrazione: il patto di stabilità. “Chiediamo al governo l’esclusione degli interventi di edilizia scolastica dal patto di stabilità o almeno un allentamento dei vincoli per assicurare la manutenzione ordinaria delle strutture”.

In pratica, secondo Tosini, l’amministrazione provinciale non può programmare i prossimi lavori perché non può sforare il patto di stabilità, benché abbia nel cassetto una serie di progetti cofinanziati per circa un milione di euro. “Non li possiamo attuare - ha aggiunto Tosini -. Gli interventi fatti finora ammontano complessivamente a 200mila euro. Vorremmo si superasse il concetto di emergenza per programmare gli interventi nel tempo”.
“La programmazione degli interventi sui fabbricati e la situazione dei laboratori – ha proseguito Leonardo Raito – abbiamo visto che condizionano anche gli indirizzi, le scelte dei ragazzi”. Un esempio è il nuovo laboratorio odontotecnico realizzato all’istituto superiore Colombo di Adria. Ha portato ad un incremento delle iscrizioni tanto che sono state allestite due classi prime.
 
Elisa Barion
9 settembre 2013
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

AllenaMente 730x90

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento