CANTIERI NAVALI VITTORIA ADRIA (ROVIGO) Cerimonia solenne alla presenza del comandante in seconda Vito Bardi per il varo del P02 Monte Cimone, secondo maxi pattugliatore per la Guardia di finanza. Fiore all'occhiello lo scafo, frutto di accurati studi idr

Un concentrato di altissima tecnologia

Baccaglini VW locator

Cantieri navali Vittoria vara per la Guardia di Finanza il P02 Monte Cimone, il nuovo maxi pattugliatore che verrà impiegato dalle Fiamme Gialle in operazioni di sorveglianza marittima, salvataggio, repressione di traffici illeciti. La solenne cerimonia, effettuata con il tradizionale varo longitudinale è stata officiata questa mattina nella sede dell'azienda ad Adria (Ro) alla presenza del Generale di Corpo d'Armata Vito Bardi, Comandante in seconda della Gdf


 

Adria - P02 Monte Cimone è un concentrato di altissima tecnologia, modellato in ogni dettaglio sulle esigenze delle Fiamme Gialle, per offrire il miglior supporto nell'esercizio in mare delle funzioni di Polizia economica e finanziaria. Il mezzo, anche grazie ad accuratissimi studi idrodinamici sullo scafo in acciaio ad alta resistenza, è in grado di solcare le onde in piena sicurezza anche in condizioni estreme di navigazione, grazie alla particolarissima prora definita in gergo tecnico Axe-Bow. Il tutto è frutto del lavoro di partnership internazionale tra Cantiere navale Vittoria e Damen. Unità gemella della P01 Monte Sperone, con i suoi 58 metri di lunghezza per 460 tonnellate di dislocamento a pieno carico, impiegherà 30 persone di equipaggio.  

 

Per Cantiere navale Vittoria si tratta di un nuovo risultato rilevantissimo, che conferma l'azienda polesana tra i leader internazionali nella produzione di navi e imbarcazioni a elevato contenuto tecnologico per la difesa, il salvataggio, la sicurezza. Risultati che derivano dallo stile di operatività dell'azienda che, fondata nel 1927 e gestita da ormai tre generazioni dalla famiglia Duò, si è affermata non solo come impresa competitiva e tecnologicamente avanzata, ma ha rafforzato la propria centralità nel mercato internazionale per l'attenzione rivolta non solo alla qualità dei prodotti, ma estesa alla sicurezza dei lavoratori e ambientale. Un percorso asseverato dalle certificazioni ISO 9001 per la qualità, ISO 14001 per l'ambiente, OHSAS 18001 per il sistema di gestione della salute e della sicurezza dei lavoratori.

 

“Soluzioni tecnologicamente avanzate, competenza delle maestranze, flessibilità organizzativa sono le nostre carte vincenti – sottolinea Luigi Duò, presidente di Cantiere Navale Vittoria – questi elementi sono la solida base del modello che ci sta permettendo di conseguire risultati importanti sui mercati nazionale e internazionale, nonostante la congiuntura oggettivamente difficile”.

5 novembre 2013
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Strenne in Piazza Natale 2018

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento