SERVIZI SOCIALI ROVIGO Tra qualche giorno verrà pubblicato l’avviso per la presentazione delle domande per il servizio di assistenza domiciliare ai non autosufficenti. Tutte le informazioni

Meglio preparare i documenti per l’Home care premium

Tra ville e giardini 2018

100 è il numero massimo di iscrizioni per il servizio Home care premium che prevede interventi in favore di soggetti non autosufficienti e fragili, utenti dell’Inps, gestione dipendenti pubblici. A breve verrà reso noto l’avviso pubblico con la data di avvio per la presentazione delle domande


 

Rovigo - Il settore servizi sociali del comune rodigino comunica che a breve verrà diffuso l’avviso pubblico Home care premium 2015 in cui sarà riportata la data di avvio per la presentazione delle domande. La domanda dovrà essere presentata tempestivamente in quanto l’istruttoria avverrà in ordine cronologico e nel limite del numero obiettivo di utenti beneficiari pari a 100. 

Il progetto Home care premium prevede interventi in favore di soggetti non autosufficienti e fragili, utenti dell’Inps, gestione dipendenti pubblici. Si rivolge ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione ex Inpdap, ai loro coniugi conviventi (anche se separati legalmente) e familiari di primo grado, genitori o figli, anche se non conviventi, ai figli minorenni, orfani di dipendente o di pensionato pubblico.

La domanda di assistenza domiciliare potrà essere trasmessa per via telematica attraverso il sito www.inps.it e inviata attraverso lo sportello Hcp del Comune di Rovigo.

Per poter accedere al beneficio è necessario avere il codice Pin dell’Inps, esclusivamente per la presentazione della domanda per via telematica, avere una nuova attestazione Isee 2015, essere iscritti in banca dati come richiedenti o beneficiari della prestazione. Il modulo “Iscrizione in banca dati”, scaricabile dalla sezione Moduli del sito Inps, può essere presentato a mano, via fax, Pec, posta tradizionale, presso la sede territoriale Inp. Infine potranno presentare la domanda i comuni di Rovigo, Arquà Polesine, Boara Pisani, Bosaro, Ceregnano, Costa di Rovigo, Crespino, Frassinelle Polesine, Gavello, Guarda Veneta, Polesella, Pontecchio Polesine, San Martino di Venezze, Villadose, Villamarzana, Villanova Marchesana.

23 gennaio 2015
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • “Centro antiviolenza: rispettate le procedure, non si poteva fare in altro modo"

    SOCIALE ROVIGO Il Comune spiega come le procedure di affidamento della gestione del centro antiviolenza e casa rifugio siano state fatte in modo corretto rispettando il Mepa 

  • 1520 ore di nuoto da assegnare 

    SERVIZI SOCIALI ROVIGO Approvato lo schema di bando per le attività a contenuto sociale, socio-assistenziale e socio educativo per l’affidamento di parte delle ore in convenzione con il polo natatorio 

  • Stato di agitazione per il personale del consultorio: “Siamo in pochi”

    FAMIGLIA E TUTELA DEI MINORI ROVIGO La Cgil a sostegno della protesta dei lavoratori del consultorio: “Pronti allo sciopero se serve, peccato che a rimetterci in questo caso siano, oltre i lavoratori, i minori spesso abusati”

  • Pensare oggi al dopo di noi

    ROTARY CLUB ROVIGO Il summit ha riunito i rappresentanti delle istituzioni e del mondo delle associazioni in una tavola rotonda. Presenti l’assessore Cristiano Corazzari, l’avvocato Zarbo, il direttore Urbano Brazzale e tantissimi altri del settore

  • Summit sulla legge del "Dopo di noi"

    SOCIALE ROVIGO Martedì 13 marzo alle ore 17 presso il Teatro Studio si terrà un tavola rotonda del Rotary club dove si parlerà della legge sull’assistenza delle persone con disabilità grave. Annunciata la presenza dell’assessore regionale Manuela Lanzarin

  • "Famiglie costrette a pagare di più per i non autosufficienti"

    SANITA’ ROVIGO Il candidato di Liberi e Uguali, Cristiano Pavarin, interviene contro l’aumento della spesa in capo alle famiglie di malati mentali ricoverati in struttura. “In Parlamento mi mobiliterò per ripristinare i vecchi Lea”

  • “Più bimbi in struttura? Colpa della politica”

    SERVIZI SOCIALI ROVIGO La dura risposta della Cgil alla denuncia dell’assessore Patrizia Borile sull’aumento dei costi della tutela dei minori. “La causa, è l’assenza di una politica di investimento sui professionisti del servizio”