BASKET ROVIGO La Rhodigium del presidente Mariapaola Galasso ha installato, e messo a disposizione di tutte le società sportive e delle scuole che utilizzano l'impianto, un defibrillatore semiautomatico

La palla a spicchi gioca d’anticipo

Il defibrillatore installato in palestra Parenzo Vecchia è inserito all’ interno di una speciale teca di contenimento trasparente che, oltre a proteggere da agenti esterni (polvere, urti…) è dotata di  una tecnologia che permette  un monitoraggio continuo  a distanza del funzionamento di tutti i suoi elementi ( piastre, batterie, software ed elettronica) con un sistema di allerta automatico alla Centrale del 118 in caso malfunzionamento o di utilizzo offrendo quindi la massima  garanzia possibile  di  efficienza.


Rovigo - Lunedì 25 gennaio 2016 la Rhodigium Basket ha installato e messo a disposizione di tutte le società sportive e delle scuole che utilizzano l'impianto, un defibrillatore semiautomatico tele controllato all'interno della palestra “Parenzo Vecchia”.

Il Decreto Balduzzi, obbliga, entro il 20 luglio 2016, tutte le società sportive, sia professionistiche che dilettantistiche, di dotarsi di defibrillatori semi-automatici (Dae), strumenti utilizzabili anche da laici addestrati con appositi corsi certificati, per intervenire rapidamente in caso arresto cardiaco.

La tempestività con cui vengono messe in atto le manovre rianimatorie  è infatti elemento determinante per garantire il recupero del paziente e purtroppo è tristemente noto  a tutti  come sia atleti d’elite ( Morosini, Bovolenta….) che  giovani praticanti siano  deceduti improvvisamente durante le competizioni.

Il defibrillatore installato in palestra Parenzo Vecchia è inserito all’ interno di una speciale teca di contenimento trasparente che, oltre a proteggere da agenti esterni (polvere, urti…) è dotata di  una tecnologia che permette  un monitoraggio continuo  a distanza del funzionamento di tutti i suoi elementi ( piastre, batterie, software ed elettronica) con un sistema di allerta automatico alla Centrale del 118 in caso malfunzionamento o di utilizzo offrendo quindi la massima  garanzia possibile di efficienza.

La rete di soccorso del 118 conosce, quali sono le postazioni attive per cui, i defibrillatori dotati di tale tecnologia,  entrano in un concetto più ampio di cardioprotezione in cui non solo viene effettuata una defibrillazione precoce ma vengono ridotti i tempi di soccorso.

Messo in sicurezza il defibrillatore, istruiti con gli appositi corsi gli allenatori, l’ultimo elemento essenziale è far conoscere ai ragazzi che frequentano l’impianto  l'importanza del primo soccorso cardiologo e dell'utilizzo dei defibrillatori semiautomatici.

In quest’ottica, seguendo anche le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che promuove la sensibilizzazione della nuove generazioni, la presidente Galasso (medico) e l'infermiera professionale Donatella Rizzo, d'accordo con la dirigente scolastica Elena Papa e in collaborazione con l’associazione  “Amici del Cuore”, il giorno 13 febbraio 2016 terranno una lezione agli studenti dell'Istituto De Amicis dal titolo “ Prendiamo a cuore la salute dei nostri atleti”.

 

 

31 gennaio 2016
Studio legale Fois 468x60




Correlati: