Condividi la notizia

"E' stato un agguato". Il casolare trasformato in una trappola

OMICIDIO MASSIMO NEGRINI LENDINARA (ROVIGO) A Giacciano i funerali della vittima. La Procura contesta la premeditazione a Nicola Stella, 38 anni. La carabina sarebbe stata posizionata ad arte

0
Succede a:

A fare la differenza, secondo il sostituto procuratore Monica Bombana, è l'arma del delitto. Sarebbe stata posizionata in precedenza nel casale nel quale è stato ucciso Massimo Negrini, 51 anni, falegname e arredatore di giardini di Giacciano con Baruchella, trovato morto nella tarda serata di martedì 2 febbraio nello scolo Valdentro nelle campagne di Lendinara, ucciso con un colpo di arma da fuoco in faccia (LEGGI ARTICOLO). Ci sarebbe quindi un agguato attentamente pianificato dietro la morte del 51enne

Articolo di Martedì 9 Febbraio 2016

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it