COMUNE ROVIGO Per la capogruppo del Pd Nadia Romeo la mozione del sindaco Massimo Bergamin sulla tutela di Parco Langer non serviva in quanto c’è già un vincolo ambientale e culturale della Sovraintendenza

L’ex antagonista: "Troppi slogan, servono fatti"

Nadia Romeo contro la mozione del sindaco Bergamin su parco Langer. Secondo la consigliera del Pd la mozione doveva concentrarsi principalmente sulla tutela dell’area e della sua prospettiva futura e affrontare singolarmente il discorso Passante Nord poiché bisogna tenere presenti numerosi aspetti 



Rovigo - “La mozione sul Passante Nord ed il parco Langer è un atto politico, lascia il tempo che trova e non cambia nulla sulla situazione in cui verte quell’area. Basta parole, parole, parole. Servono fatti, fatti, fatti”. E’ il commento di Nadia Romeo, capogruppo del Partito democratico, dopo il consiglio comunale di giovedì 11 febbraio nella quale si è discussa ed approvata poi la mozione su Parco Langer e Passante Nord (leggi articolo).

Come ha già ribadito nel suo intervento nella seduta di consiglio, la Romeo afferma che “non c’era bisogno di presentare una mozione per qualcosa che c’è già. Poteva fare un atto politico da sindaco insieme alla sua Giunta con due proposte: chiedere che l’area venga acquisita direttamente dall’amministrazione comunale e un bando di idee per capire come riqualificare rendendolo un parco a misura di cittadino e attraente. Sindaco, fai qualcosa di concreto. Fai il progetto, fai qualcosa per quel parco e poi vieni a discuterne in Consiglio, smettila di perderti in chiacchiere”.

La capogruppo poi ricorda che il vincolo ambientale e culturale della Soprintendenza su quell’area è più forte di qualsiasi mozione, “per cui allo stato attuale il Parco è già salvo da molto tempo anche senza la farsa di questa mattina in consiglio comunale. Quello che il sindaco e la sua giunta avrebbero dovuto proporre era di rilevare e gestire il Parco per trasformarlo in un’area adatta ad accogliere le persone, rendendolo usufruibile al pubblico e impedendone l’incuria. “Per noi la mozione avrebbe dovuto dire: tuteliamo il parco da qualsiasi cambio d’uso e mettiamolo a disposizione della città”.

Secondo Romeo invece il Passante necessita di un discorso molto più approfondito da fare con calma nei prossimi giorni. “Bisogna ancora comprendere, infatti, quali saranno i benefici per la viabilità e allargare il discorso al ponte di Boara sull’Adige che dovrà essere adeguato ai flussi di traffico. Inoltre vorrei che ci vedessimo chiaro sui conti del Passante, perché sono stati spesi un sacco di soldi pubblici e non vorrei che ne fossero spesi altri. Possiamo fare operazioni utili per la città in Consiglio o dobbiamo continuare a parlare di cose che non servono alla città? - conclude Romeo - Questo è il Sindaco degli slogan, dice tanto ma poi alla fine non ha fatto nessuna scelta per la città. Anzi no, da oggi avremo un’area per lo sgambamento dei cani, che riteniamo sia una buonissima iniziativa, ma intanto rimangono ancora troppi problemi a Rovigo”.

12 febbraio 2016
Studio legale Fois 468x60




Correlati: