EVENTI ADRIA, FRATTA POLESINE E ROVIGO Sabato 21 maggio si terrà la Notte europea dei musei che interesserà Palazzo Roverella e Roncale, il museo dei Grandi fiumi, Villa Badoer che il museo Nazionale atesino ed il Nazionale archeologico

Per una notte l’arte è a disposizione di tutti

TedxRovigo

Diverse le iniziative in Polesine in occasione della Notte europea dei musei, prevista per sabato 21 maggio: da aperture straordinarie di Palazzo Roverella e Palazzo Roncale nella quale si potrà ammirare la mostra Al primo sguardo, il museo dei Grandi Fiumi con l’iniziativa Passeggiata rinascimentale, Villa Badoer con una visita guidata animata dalla lettura di testi poetici, ai musei Nazionale atesino e Nazionale archeologico di Adria dove non solo si potrà vedere la mostra Meraviglie dello stato di Chu ma anche visitare “Nuovi Orizzonti” la mostra di Chiara Guidotto e Andrea Clementi che rientra nel festival itinerante DeltArte 



Adria, Fratta Polesine, Rovigo - Torna anche quest’anno la Notte europea dei musei, prevista per sabato 21 maggio, bella ed unica occasione per vivere i luoghi d’arte al calar della notte. Un’esperienza che ogni anno richiama ed affascina moltissimi visitatori in tutta Europa, a cui viene data l’occasione di avvicinarsi alla bellezza in un momento di pace e di riposo dal rumore e dalle distrazioni della giornata.

In Polesine i comuni che si prestano all’evento sono quelli di Rovigo, Fratta Polesine ed Adria. Due le iniziative nel capoluogo: Palazzo Roverella e Palazzo Roncale apriranno le loro sale a questa importante iniziativa, in occasione dell’esposizione in corso che presenta i capolavori della collezione della Fondazione cassa di risparmio di Padova e Rovigo, che si articola in entrambe le sedi, con opere riguardanti i due più recenti secoli, l’Ottocento e il Novecento. Il pubblico potrà gustarsi questa occasione fino alle ore 24, approfittando delle visite guidate in programma durante l’arco di tutta la giornata.

Inoltre l’assessorato alla cultura-Museo grandi fiumi, in collaborazione con Aqua servizi turistici e ambientali, organizza la “Passeggiata rinascimentale”. L’iniziativa si terrà alle 21.30 e prevede un viaggio poliedrico attraverso la storia del Rinascimento rodigino. Un tour cittadino alla scoperta delle curiosità e dei segreti di questo periodo, partendo dal complesso monumentale del Monastero di San Bartolomeo, sede del Museo dei Grandi Fiumi, per arrivare ad ammirare le suggestive architetture del centro storico.

Per l'occasione, anche la prestigiosa Villa Badoer di Fratta Polesine, proprietà della Provincia di Rovigo e patrimonio Unesco, apre gratuitamente le sue porte dalle ore 21. Alle ore 22.30, dopo l'incontro con il giornalista Alan Friedman delle ore 21 a Villa Molin Avezzù (LEGGI ARTICOLO), gli ambienti di Villa Badoer prenderanno vita con Notturno letterario a Villa Badoer, una visita guidata animata dalla lettura di testi poetici tratti dalle opere degli autori più significativi del Rinascimento. Ariosto, Poliziano, Luigi Groto…i grandi letterati del ‘500 e gli affreschi del Giallo Fiorentino si racconteranno al pubblico. All'interno del complesso palladiano sarà possibile, inoltre, visitare in notturna la mostra di sculture di Denis Raccanelli Lo specchio d’argilla, aperta dal 20 maggio al 20 giugno. Opere impastate con l’acqua e l’argilla del Po che si raccontano con il linguaggio del teatro sui testi di Sergio Garbato. Per la Notte dei Musei, l'ingresso alla Villa, la visita alla mostra e la visita guidata animata sono gratuite. 

Non mancano le iniziative anche ad Adria, dove sia il museo Nazionale atesino che il Nazionale archeologico saranno aperti fino alle 22.30. Per l’occasione, Cultour Active organizza una serata speciale all’insegna dell’archeologia. Due visite guidate alle 19 e alle 21 accompagneranno i visitatori alla scoperta della mostra Meraviglie dello stato di Chu (al prezzo speciale di 8 euro) e della sua poesia, con la lettura di opere cinesi dall’Antologia di Chu e dal libro “L’arte della guerra”. 

Al lapidario del museo Archeologico nazionale di Adria si potrà visitare “Nuovi Orizzonti” la mostra di Chiara Guidotto e Andrea Clementi, in corso fino al 26 giugno, che rientra nel festival itinerante DeltArte. L’installazione di Chiara Guidotto presso il giardino del Lapidario mette in scena una rilettura dell’archeologia nella dimensione della contemporaneità, mediante un preciso materiale, il cemento. Le due installazioni di Andrea Clementi, La grande Latrodectus Mactans e Nodo apotropaico pongono l’accento sulla ritualità come valore di riferimento con cui rapportarsi e riappropriarsi. Dopo l’inaugurazione di “Nuovi orizzonti” si potrà assistere alla performance di Andrea Dodicianni, che si metterà a nudo raccontandosi e svelando alcuni segreti e ricordi legati ai suoi suoi brani più famosi. 

20 maggio 2016
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Tra ville e giardini 2018