GESTIONE RIFIUTI PROVINCIA DI ROVIGO Due eclatanti novità all'ombra dei lavori di Taglietto a Villadose: indagine in corso per i Carabinieri del Noe ed Azienda speciale in scacco per la mancata nomina del Cda indispensabile per la fusione

Bergamin mette in mora il Consorzio mentre la Procura arriva in discarica

Strenne in Piazza Natale 2018
Rovigo - E' stato notificato nella sede del Consorzio Rsu, ma anche ad Ecoambiente in Viale della Pace, da parte dei militari del Nucleo operativo ecologico dei Carabinieri, l'avvio delle indagini relativamente ad ipotesi di reato collegate con i lavori di costruzione della nuova discarica di Villadose ed eventuali ripercussioni sull'ambiente circostante.
I carabinieri del Noe, coordinati dal sostituto procuratore Sabrina Duò della Procura della Repubblica del Tribunale di Rovigo, dopo la notifica dell'atto giudiziario si sono recati nell'impianto di proprietà dell'Azienda speciale del Consorzio Rsu affidato in gestione (revocata attraverso un atto di Pierluigi Tugnolo ma ancora inefficace non essendo ancora stato individuato il nuovo gestore) per compiere i primi sopralluoghi tecnici.
La fase di indagine, disposta dal magistrato rodigino già a fine agosto 2016 ha visto l'inizio nella giornata di mercoledì 21 settembre, tanto che già nella serata di ieri i primi rumors dell'attenzione dei Carabinieri verso la nuova discarica di Taglietto1 erano cominciati timidamente a circolare. Nella giornata odierna la conferma di avvio indagini, ma la cautela nelle considerazioni è d'obbligo in quanto non è escluso che la fase conoscitiva possa durare ancora a lungo.

Il consigliere delegato di Ecoambiente non commenta ma riferisce che "è vero che tra ieri ed oggi (21 e 22 settembre 2016) c'è stato un via vai in discarica di persone molto curiose. Ieri pioveva e si sono bagnate, oggi non piove ma il rischio di sporcarsi rimane". Sembra insomma che Ecoambiente abbia assunto una linea collaborativa con lo svolgimento delle indagini.

Il sindaco di Rovigo Massimo Bergamin, socio di maggioranza assoluta del gestore Ecoambiente, ma anche socio di maggioranza relativa del Consorzio (proprietario dell'impianto e stazione appaltante dei lavori) dichiara di non conoscere al momento le ipotesi di reato per le quali si sta procedendo nelle indagini, auspica che gli inquirenti abbiano modo di trovare soddisfazione di quanto cercano e si dichiara garantista nei confronti degli eventuali indagati, confidando nel lavoro della Magistratura, anche da lui sollecitata a mezzo di formale esposto.

Questa, che potrebbe sembrare già di per se' una notizia "bomba" in tema di gestione dei rifiuti della provincia di Rovigo, ma che potrebbe essere solamente un atto dovuto, visto gli esposti ricevuti dalla Procura, viene letteralmente oscurata dal provvedimento del socio Comune di Rovigo adottato nei confronti dell'Azienda speciale del Consorzio Rsu tramite l'avvocatura civica del Comune capoluogo.

Con trasmissione del 19 settembre 2016 Massimo Bergamin firma l'atto di "Diffida e messa in mora al rinnovo dell'organo amministrativo e del collegio dei revisori dell'Azienda speciale consortile".

In caso di "inerzia" nel provvedere entro 15 giorni alla convocazione dell'assemblea di nomina del Cda, del presidente e del collegio dei revisori dell'Azienda speciale il comune capoluogo farà istanza di nomina di un commissario ad acta da parte del competente Tar del Veneto e denuncerà la colpevole mancanza alla Procura della Repubblica di Rovigo.

A quasi un anno dalla firma tra i soci, l'azienda Ecoambiente, ed anche il commissario dell'Ente di bacino, della convenzione dell'11 novembre 2015 di gestione della futura discarica di Taglietto 1 e del cronoprogramma di scissione trasformativa dell'Azienda speciale del Consorzio Rsu infatti, nulla è cambiato, ed il Consorzio, già inadempiente allora, lo è ancora negli impegni sottoscritti.
Una situazione, secondo il sindaco Bergamin, che non può essere tollerata oltre "Gli impegni si rispettano - afferma - se non si vogliono rispettare bisogna avere il coraggio di assumersene le responsabilità. Ho firmato io ed hanno firmato loro. Io ho seguito il cronoprogramma concordato, loro no. Dopo un anno, cosa dovrei aspettare oltre?"
22 settembre 2016
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

DOMINA fuori tutto

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento