MUSICA ROVIGO Nove le orchestre provenienti da tutte le scuole ad indirizzo musicale della provincia coinvolte nella rassegna il 6 maggio al Censer

La musica dei 300 per una grande e duratura amicizia 

La scuola ad indirizzo musicale di Ariano nel Polesine
La scuola ad indirizzo musicale di Fiesso-Castelguglielmo
La scuola ad indirizzo musicale di Loreo
La scuola ad indirizzo musicale di Occhiobello
La scuola ad indirizzo musicale di Porto Tolle
La scuola ad indirizzo musicale di Porto Viro
La scuola ad indirizzo musicale di Taglio di Po
La scuola ad indirizzo musicale di Villadose

Mattinata ricca di musica in nome dell’amicizia, secondo il tema della kermesse giunta alla 13esima edizione, quella del 6 maggio al Censer che ha radunato tutte le orchestre delle scuole medie ad indirizzo musicali provenienti da Ariano Polesine, Castelgugliemo, Villadose, Rosolina, Porto Tolle, Porto Viro, Occhiobello, Taglio di Po e Rovigo



Rovigo - E’ stata una magnifica festa della musica che ha riunito quasi 300 studenti di strumento. Nove orchestre composte dai ragazzi delle medie si sono ritrovate al Censer sabato 6 maggio per “La musica è amicizia”, titolo della 13a rassegna delle medie ad indirizzo musicale della provincia di Rovigo.

Una cavalcata di musica, canzoni ed energia, dalle 9.30 alle 13, che ha regalato parecchie sorprese.

Variegate le orchestre composte da flauti, clarinetti, pianoforti, percussioni, violini, arpe, chitarre e sassofoni salite sul palco della sala Bisaglia. A dare il “la” alle danze è stata la Pio Mazzucchi di Castelguglielmo, diretta da Luigino Paolo Monesi, che ha ben divertito con il tema della colonna sonora del film I pirati dei Caraibi; poi l’orchestra Turolla di Ariano Polesine ha portato arpe e coristi pieni di gioia e di entusiasmo che ha trovato l’apice nel brano Together, scritto a più mani nell’ambito di un progetto internazionale a cui la scuola bassopolesana ha partecipato. Incredibile il coinvolgimento ritmico creato dall’orchestra Dante Alighieri di Occhiobello con particolare espressione degli strumenti a percussione nel proporre l’attualissima Sofia di Alvaro Soler, e l’intramontabile Oye como va di Carlos Santana.

La scuola di Porto Tolle, diretta da Sabrina Sivieri, ha attinto prima nella tradizione, con due arie classiche dell’800, poi nella samba brasiliana.

Tutta rock invece la proposta dell’orchestra di Taglio di po, a dirigerla c’era Guido Ballerin, con brani dei Led Zeppelin e l’eterna Every body needs somebofy to love. Un medlley tratto da Per un pugno di dollari di Ennio Morricone è stata la proposta di Rosolina, orchestra guidata per l’occasione da Gabriele Andreotti, che conta anche sax e tromba grazie alla sinergia con la storica banda cittadina. Il maestro Ferrante Casellato ha diretto l’orchestra della San Domenico Savio di Porto Viro con la coinvolgente proposta delle Jewish folksong suite. Danze scozzesi e un brano pop degli anni ’80 sul tema dell’amicizia è stata la deliziosa performance dell’Istituto comprensivo di Villadose diretto da Iolanda Franzoso.

Ha chiuso la kermesse l’orchestra della scuola media Casalini del Rovigo 3, con la curiosa proposta di brani simbolo dell’amicizia tra artisti: Puccini e Toscanini, Mussorgsky e Hartmann. 

Infine il brano suonato da 286 ragazzi, diretto dal palco da Silvia Massimi docente delle Casalini, che ha racchiuso il significato dell’intera manifestazione: With a little help from my friends, pescato dal repertorio dei Beatles.

“La musica è gioia, disciplina, condivisione, linguaggio universale e espressione dei propri sentimenti” è stato ricordato nell’arco della mattinata da Vinicio Piasentini, vicepresidente della Provincia di Rovigo, Rita Marcomini, dirigente dell’ufficio scolastico regionale, Antonio Leo, dirigente tecnico del medesimo ufficio, e Francesco Ennio rappresentante dell’Age. Calorosa la presenza di Cristiano Corazzari, assessore della Regione Veneto, e pienamente soddisfatto il dirigente dell’Istituto comprensivo di Fiesso, Amos Golinelli, scuola responsabile per questa edizione dell’organizzazione della kermesse. Parecchi gli assessori presenti da Porto Tolle, Ceregnano, Lendinara, e i presidi delle singole scuole come Fabio Cusin, Osvaldo Pasello e Gabriella Di Mascio. 

Ha presentato l’intera manifestazione Irene Lissandrin, giornalista e direttore di RovigoOggi.it, mentre a curarne la realizzazione è stata Annamaria Baldo, docente di Porto Viro.

Una chiave di violino di cioccolato è stato il simbolo regalato a ogni studente, come ricordo della giornata e come messaggio finale legato all’amicizia e al valore della manifestazione: “La musica crea delle persone migliori e anche più felici”.

9 maggio 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati: