CARABINIERI FIESSO UMBERTIANO (ROVIGO) Si arriva a sentenza per la vicenda che sarebbe avvenuta nella notte tra il 18 e il 19 settembre del 2010 in località Piacentina

Mega rave con danneggiamento: "Era abusivo"

Tra ville e giardini 2018
Il rave venne  organizzato, nella notte tra il 18 e il 19 settembre del 2010, in località Piacentina, nel Comune di Fiesso Umbertiano, e sarebbe stato tenuto all'interno di un capannone destinato ad altro uso, che avrebbe riportato anche danni a seguito dell'intrusione (LEGGI ARTICOLO)

Fiesso Umbertiano (Ro) - A giudizio si trovavano tre persone: un 29enne di Rosolina, un 32enne di Mesola, un 27enne di Comacchio. Il primo ha incassato una condanna a sei mesi, sospesi con la condizionale, mentre i restanti due sono stati assolti. La pubblica accusa, nella  personale del pubblico ministero Andrea Bergo, aveva chiesto l'assoluzione per tutti, ma il giudice Silvia Varotto ha fatto una valutazione diversa, arrivando alla condanna per il polesano. Condanna che, comunque. sarà appellata dall'avvocato Massimiliano Ponzetto.

I fatti, così come ricostruiti dall'accusa, si sarebbero verificati nella notte tra il 18 e il 19 settembre del 2010, in un capannone industriale della località Piacentina, nel Comune di Fiesso Umbertiano. Tre i capi di imputazione, relativi rispettivamente all'avere organizzato un evento senza le autorizzazioni del caso, ad avere invaso un fabbricato altrui e anche ad averlo danneggiato.

In particolare, a quanto ricostruito dai carabinieri, sarebbero stati forzati o scardinati cancelli e porte, inoltre sarebbero stati svuotati tutti gli estintori presenti nella struttura. In quest'ultimo caso, quindi, un episodio di vandalismo bello e buono. Sul posto intervennero i carabinieri.

 
25 settembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati: