CASA DI RIPOSO ADRIA (ROVIGO) In consiglio comunale passa la mozione proposta da parte della maggioranza e dall'opposizione. "Quell'iter non deve essere avviato"

Nuova sede del Csa: stop all'ipotesi Case Rosse

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Nella serata mercoledì 4 ottobre, in consiglio comunale ad Adria, un passaggio importante sul cammino, costellato di polemiche e scontri politici, legato alla individuazione della nuova sede della Casa di riposo di Adria



Adria (Ro) - L'ipotesi di costruire la nuova sede del Csa di Adria in zona Case Rosse sarebbe "in tutta evidenza contraria all'interesse della città, degli ospiti, dei loro familiari e dei lavoratori". Viceversa "sarebbe necessario adoperarsi per reperire le risorse da destinare all'ampliamento della struttura esistente". Questa parte del testo della mozione presentata in consiglio comunale ad Adria nella serata di mercoledì 4 ottobre e passata con otto voti: oltre a quelli della minoranza, parte della maggioranza.

A votare a favore sono stati Luca Azzano Cantarutti, Barnaba Busatto, Enrico Pivaro, Matteo Stoppa, Gino Sandro Spinello, Elena Suman, Omar Barbierato. La mozione impegnava il sindaco e l'amministrazione comunale ad "adoperarsi per favorire un progetto di riqualificazione e ampliamento della struttura esistente, senza avviare alcun iter che possa favorire la realizzazione della nuova casa di riposo presso il quartiere Case Rosse".

Il caso era scoppiato il 13 luglio, per la precisione, quando in consiglio comunale si era parlato del progetto per la costruzione della nuova sede della casa di riposo di Adria. Era emerso come il sindaco avesse firmato un accordo per costruire la nuova sede in zona Case Rosse, piuttosto che vicino alla attuale. Una scelta non gradita a parte della maggioranza, che aveva anche prodotto un documento piuttosto duro (LEGGI ARTICOLO). Da parte sua, il primo cittadino aveva immediatamente chiarito come non fosse un accordo definitivo e di come ci fosse tutto lo spazio per rivalutarlo (LEGGI ARTICOLO).

In sostanza, quello che in prima battuta era stato bollato come un "accordo segreto" sarebbe stata una dichiarazione di intenti non vincolante. La nuova sede sarebbe stata realizzata in zona Case rosse, su un terreno di proprietà Ater, società quest’ultima che avrebbe avuto, in cambio, la sede attuale. Gli oppositori di questo progetto ritenevano preferibile edificare nelle palazzina vicina alla sede attuale.

Il 12 settembre, poi, c'era stata la comparazione dei due due progetti, nel corso dell'incontro organizzato dalla presidente del Csa Sandra Passadore, che ha voluto coinvolgere la cittadinanza nella scelta, dando al contempo gli elementi necessari a farsi una idea.

La prima soluzione Prevede la ristrutturazione dell'immobile esistente, più l'edificazione di ua nuova struttura sempre in riviera Sant'Andrea. I posti letto sarebbero 183, mentre il costo sarebbe di 12.363.000 euro, che verrebbe coperto con 5 milioni di euro di fondo di rotazione dalla Regione del Veneto, 1.500.000 euro sempre da Venezia per l'adeguamento antincendio e un mutuo da 5.863.000 euro. I tempi di realizzazione sarebbero di 7 anni e 6 mesi.

La seconda soluzione Prevede la costruzione, con un accordo di programma tra Ater, Csa e Comune di Adria, di un nuovo immobile in un terreno di via Chieppara di proprietà di Ater, unito alla ristrutturazione di parte degli immobili di riviera Sant'Andrea, mentre un'altra parte di questi andrà in permuta ad Ater per coprire il costo del terreno di via Chieppara, di proprietà Ater. I posti letto sarebbero 193, i tempi di realizzazione 7 anni e 3 mesi e il costo, al netto della permuta, di 14.623.000 euro. La copertura sarebbe attuata, come nel caso precedente, con 5 milioni di euro di fondo di rotazione dalla Regione del Veneto, 1.500.000 euro sempre da Venezia per l'adeguamento antincendio, mentre altri due milioni sarebbero coperti da Ater. Il restante, ossia 6.123.000 sarebbe coperto da un mutuo.

C'è stato anche tempo per un sondaggio tra il pubblico, con tanto di voto su scheda. I risultati completti non sono ancora ufficiali, ma la opzione vincente sarebbe la seconda.

5 ottobre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

AllenaMente 730x90

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento