MOTORI Domenica 22 ottobre parata di auto storiche per il 30esimo giro del Polesine. Organizzazione perfetta che ha portato gli equipaggi sino al Delta del Po

Edizione densa di emozioni

Tra ville e giardini 2018

L’equipaggio Boscolo-Boscolo su Autobianchi A112 Elegant del 1982 ha primeggiato nella classifica finale per le auto storiche. Alla coppia è stato assegnato anche il 1° Trofeo Ugo Fiocchi, in ricordo del fondatore e presidente per 29 anni del Club Auto Moto Storiche Rovigo, consegnato dalla moglie Daniela e dalla figlia Claudia presenti per l’occasione, in un momento particolarmente toccante delle premiazioni sottolineato da un lungo applauso dei presenti. La classifica delle auto moderne ha visto svettare l’equipaggio Dellavedova-Bortoletto del Circolo Bellunese Auto e Moto d’Epoca su Autobianchi Y10 del 1992 La coppa per le scuderie delle auto moderne è stata invece assegnata al Fava Autostoriche. 


Rovigo - Domenica 22 ottobre si è svolta la 30° edizione Giro del Polesine, raduno turistico per auto storiche, moderne e sportive, organizzato dal Club Auto Moto Storiche Rovigo.

La manifestazione ha riscosso grande successo, infatti ben 70 equipaggi provenienti dal Veneto, dall’Emilia Romagna e dal Friuli Venezia Giulia si sono dati appuntamento alla partenza della manifestazione, avvenuta alle ore 9.30 presso il centro commerciale La Fattoria. 

Tra le bellissime auto al via, sicuramente le più degne di nota sono state la Mercedes 230 Pagoda del 1967, la Lancia Flaminia GT del 1963, la MG A 1500 del 1959, l’Alfa Romeo Giulietta del 1961, la Ferrari 308 GTS Quattrovalvole del 1983, alcune Porsche 911 nelle diverse versioni, due rare Fiat 131 Abarth. Tra le auto più recenti, sicuramente ammirate dal pubblico la Ferrari 575M Maranello, la Chevrolet Corvette ZR1, la Porsche 911 Carrera 4S, la Lancia Delta HF Integrale e le potenti BMW M3.

La carovana di vetture, preceduta da tre “supercar” come apripista, ovvero una fiammante Alfa Romeo 4C Spider, una grintosa Porsche 911 GT3 e una rarissima Mitsubishi 3000 GT, ha attraversato le località di Borsea, Pontecchio Polesine, Guarda Veneta, Crespino, Gavello, Baricetta, Valliera, per giungere in centro ad Adria dove i partecipanti hanno potuto degustare un aperitivo e il numeroso pubblico, attirato anche dalla piacevole giornata di sole, ha potuto ammirare le vetture.

La seconda parte del percorso ha portato i partecipanti a immergersi nelle bellezze del Basso Polesine e del Delta del Po, infatti il percorso ha attraversato Bottrighe, Cavanella Po, Loreo, Taglio di Po, Porto Tolle, Scardovari, Barricata; infine, percorrendo l’incantevole Sacca di Scardovari, i concorrenti sono giunti nella suggestiva location del ristorante Marina 70, dove la manifestazione si è conclusa con il tradizionale pranzo a base di pesce e le premiazioni.

L’equipaggio Boscolo-Boscolo del Club Auto Moto Storiche Rovigo su Autobianchi A112 Elegant del 1982 ha primeggiato nella classifica finale per le auto storiche, precedendo Corso-Piccoli del Fava Autostoriche su Autobianchi A112 del 1982 e Turri-Bortolin del Club Auto Moto Storiche Rovigo su Fiat 1500 Cabriolet del 1964; all’equipaggio Boscolo-Boscolo è stato assegnato anche il 1° Trofeo Ugo Fiocchi, in ricordo del fondatore e presidente per 29 anni del Club Auto Moto Storiche Rovigo, consegnato dalla moglie Daniela e dalla figlia Claudia presenti per l’occasione, in un momento particolarmente toccante delle premiazioni sottolineato da un lungo applauso dei presenti. 

La classifica delle auto moderne ha visto svettare l’equipaggio Dellavedova-Bortoletto del Circolo Bellunese Auto e Moto d’Epoca su Autobianchi Y10 del 1992, che ha preceduto Varotto-Silvestrin del Funny Team su BMW M3 del 1988 e Verza-Santin del Club Auto Moto Storiche Rovigo su Volkswagen Polo del 1993.

La coppa per le scuderie delle auto storiche è stata conquistata dal Club Auto Moto Storiche Rovigo, che in segno di ospitalità l’ha ceduta alla scuderia seconda classificata, ovvero alla Nettuno Autostoriche di Bologna. La coppa per le scuderie delle auto moderne è stata invece assegnata al Fava Autostoriche. 

Sono anche stati premiati i giovanissimi navigatori, cinque bambini e bambine sotto i 10 anni che hanno condiviso con i genitori l’esperienza di partecipare a una manifestazione di auto storiche. L’appuntamento è alla 31° edizione, che si terrà nell’autunno del 2018. 

 

 

 

24 ottobre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • Scettri allo Schio per continuare a crescere

    MOTORI ROVIGO Il portacolori di Irontech Motorsport, archiviato il primo podio stagionale al Piancavallo, torna alla guida della Renault Clio gruppo A, affiancato dal polesano Barison

  • Sesso a cielo aperto ed eternit

    INTERPORTO ROVIGO Parlare di degrado è riduttivo, è uno scandalo alla luce del sole e nessuno fa nulla. Appostamenti per fare sesso e rifiuti di ogni genere e tipo

  • Il Bronx in città, gli italiani hanno paura 

    DEGRADO ROVIGO Silvia Menon dà voce al caso che si verificando in via Don Minzoni. L’aiuto viene chiesto da un cittadino: abitazioni abbandonate sono occupate abusivamente da stranieri. Schiamazzi e litigi, ma anche pestaggi 

  • Grave perdita per la comunità arquatese 

    LUTTO ARQUA’ POLESINE (ROVIGO) Si è spento Ruggero Sichirollo, ex consigliere, attore e imprenditore del paese. Venerdì 20 alle ore 11 i funerali

  • Un dono importante per una disciplina in crescita

    SPORT VILLADOSE (ROVIGO) Inaugurata nel Palasport di Villadose (Ro), la nuova parete per arrampicata, l’unica presente nella provincia  

  • Mancin ci riprova alla Morano - Campotenese

    MOTORI ROVIGO Il pilota di Rivà, Michele Mancin, risolti i problemi che lo han rallentato nella prima parte di stagione, scende in Calabria con rivitalizzate ambizioni in chiave tricolore

  • “Troppi incidenti sul viale pericoloso”

    FRAZIONI ROVIGO Il consigliere comunale Mattia Moretto chiede che si intervenga al più presto in via Ippolito Nievo per migliorare la sicurezza stradale al fine di preservare l’incolumità dei cittadini e il decoro del territorio