IL CASO ROVIGO Massimo Bergamin non avrebbe gradito la “loquacità” di Susanna Garbo, colpevole di aver spiegato la questione Baldetti alla stampa. E così compare un cartello sulla sua porta che invita a rivolgersi direttamente a lui

Zittita l’assessora, sulle piscine parla solo il sindaco

AllenaMente 730x90
Sulla porta dell’ufficio dell’assessore Susanna Garbo è apparso, nella mattinata di venerdì 3 novembre un cartello che invita i giornalisti a rivolgesi al sindaco, o alla sua porta voce, per fare domande sulla questione Baldetti. Il primo cittadino non deve aver gradito molto le informazioni fornite alla stampa dall’assessore (LEGGI ARTICOLO), su un tema che altrimenti continuerebbe ad essere nascosto nelle segrete stanze

 Rovigo – L’assessore al bilancio Susanna Garbo era già stata smentita con un comunicato che lo stesso sindaco aveva mandato alla stampa, “dimenticandosi” però di inviarlo anche a Rovigooggi.it (e non è la prima volta). Massimo Bergamin, nello specifico, dichiarava di non riconoscere la surroga, ovvero il fatto che il Comune dovesse pagare ad Unipol le rate non pagate da Veneto Nuoto sulla questione Polo Natatorio. Così scriveva nel famoso comunicato arrivato a seguito delle parole dell’assessore Susanna Garbo che aveva in realtà solo spiegato, in maniera tecnica, la questione ai giornalisti. La surroga, tra l’altro, è una cosa che aveva lui stesso affermato nella relazione di fine secondo anno di mandato (LEGGI ARTICOLO) e che, soprattutto, compare nella convenzione tra privati e Comune nella questione Polo Natatorio, decisamente vincolante.

Ma non importa se è parte di un documento firmato dallo stesso Comune, il signor sindaco non la riconosce. Va bene, staremo a vedere come finirà la trattativa. Da oggi, però, si potrà chiedere solo al sindaco, o a alla sua portavoce lo stato della questione polo natatorio (come recita il cartello apparso sulla porta dell’assessore Garbo). Ammesso e non concesso che il primo cittadino abbia voglia o tempo per rispondere. È incredibile per quanto riguarda i grandi temi della città, come polo natatorio ed ex ospedale Maddalena, che non siamo ad oggi ancora stati resi noti dal sindaco, e gli stessi consiglieri chiedono siano affrontati e discussi in consiglio  (LEGGI ARTICOLO). Ma la trasparenza sembra far paura.
3 novembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • Sindaco, da Salvini fatti dare i soldi per il Maddalena

    POLITICA ROVIGO Il presidente del consiglio Paolo Avezzù prende le distanze da Massimo Bergamin su alcune questioni: Consvipo, caso Moggi oltre che sull'immigrazione. Attende la riqualificazione dell’ex Maddalena, e gli interventi per la sicurezza

  • E i vuoti a perdere aumentano

    ROVIGO Fabbricati deserti, un futuro di una città che si svuota anno dopo anno, eppure bisogna fare qualcosa. L’intervento dell’architetto Luigi Domenico Barbato

  • Se ne parlerà dal 2020 in avanti, forse

    EX MADDALENA ROVIGO Il governatore, Luca Zaia interviene sulla questione che coinvolge anche il capoluogo spiegando che la Corte Costituzionale ha posto problemi sul monte di 50 miliardi stanziati dal precedente Governo

  • Nessuna buona nuova per l'ex Maddalena

    BANDO PERIFERIE ROVIGO Andrea Bimbatti ha rappresentato il Comune di Rovigo al summit di Venezia dove, assieme agli altri sindaci dei comuni capoluogo, si stanno studiando strategie per tentare il salvataggio dei progetti congelati dal Milleproroghe

  • Una situazione kafkiana

    BLOCCO BANDO PERIFERIE L'intervento dell'ex assessore e vicesindaco Ezio Conchi sulla questione della riqualificazione dell'ex ospedale Maddalena di proprietà dei privati Cefil e Reale costruzioni

  • A Venezia per difendere il Maddalena

    BLOCCO BANDO PERIFERIE Andrea Bimbatti sarà in missione il 14 agosto assieme ai colleghi primi cittadini veneti per cercare di non perdere i fondi che erano stati messi a disposizione per la riqualificazione dell’ex ospedale

  • Rossini non molla: “Ex Maddalena, non è ancora detta la parola fine” 

    BANDO AREE DEGRADATE ROVIGO Il consigliere auspica un ripensamento. Sul Milleproroghe intervengono i parlamentari veneti della Lega: “Rimediato grave errore del Pd”

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento