LICEO CLASSICO CELIO (ROVIGO) Il consigliere provinciale Michele Aretusini presenta una mozione per garantire la permanenza dell'istituto nella sede storica di via Badaloni. “La Provincia deve fare un progetto e cercare fondi”

"La città lo vuole lì. Con un progetto, si può"

Confartigianato evento 21 novembre 2018

Dopo l’incontro pubblico sul futuro del Liceo Celio (LEGGI ARTICOLO) il consigliere provinciale della Lega, Michele Aretusini, interpreta la volontà di studenti, genitori e docenti presenti all’incontro, proponendo al consiglio provinciale una mozione per impegnare il presidente Marco Trombini a dare mandato agli uffici di realizzazione di un progetto per la ristrutturazione del palazzo storico di via Badaloni che ospita il liceo



Rovigo – “Un progetto per salvare il Liceo Celio e tenerlo nella sua sede attuale. Un progetto da approntare il prima possibile ricercando finanziamenti e contributi. Un progetto che, contemporaneamente, deve prevedere l'attività del presidente Marco Trombini e della sua squadra nella ricerca costante di quei fondi e finanziamenti”. Secondo il consigliere provinciale della Lega, Michele Aretusini sono queste le due strade da battere per fare sì che il Liceo Celio possa restare dove è dal 1879/80 (salvo una brevissima parentesi tra il dicembre 1953 e l’estate 1958). 

Va in questo senso la mozione con la quale l'esponente leghista intende impegnare la Provincia per superare l'attuale sterile dibattito sulla collocazione della scuola. “Se è infatti vero – commenta Aretusini – che la Provincia è già in difficoltà nel garantire la manutenzione ordinaria, per non parlare di quella straordinaria, lo è altrettanto il fatto che, a oggi, l'unica reazione di Trombini alla difficile situazione è stata rassegnarsi alla dismissione lenta e progressiva dell'edificio”

“La città però non ha invece alcuna intenzione di rassegnarsi – spiega Aretusini – come emerso chiaramente dall'incontro di mercoledì 15 novembre”. È doveroso quindi, secondo il consigliere, fare tutti i tentativi possibili per salvare una tradizione importante a Rovigo, che ha anche ricadute non secondarie per il centro città: sia in termini economici - con l'indotto garantito dalla presenza di studenti e docenti - ma anche in termini sociali e di qualificazione della zona con la funzione di presidio contro il progressivo spopolamento dell'area.

 “La mozione non è mia, è dei cittadini – conclude il consigliere della Lega – è espressione del volere della Città, del sindaco Massimo Bergamin, dei comitati e di tutti coloro che hanno a cuore passato, presente e futuro di una realtà importante per Rovigo”.  La mozione porta la firma anche dei consiglieri provinciali Laura Cestari (Lega) e Daniele Ceccarello (Fratelli d’Italia).

17 novembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento