TRIBUNALE ROVIGO Arriva il giudizio d'Appello per il tremendo incidente avvenuto il 29 giugno del 2011 in autostrada all'altezza di Occhiobello. Assolta la datrice di lavoro

Camion perse bombole di gas. Una uccise un conducente

Tra ville e giardini 2018

La sentenza di primo grado era stata emessa dal Tribunale di Rovigo il 12 novembre del 2014, per il terrificante incidente stradale che era avvenuto il 29 giugno del 2011 lungo l'autostrada A 13, all'altezza di Occhiobello. Aveva perso la vita Roberto Dalla Costa, 44 anni, trevigiano



Rovigo - In primo grado era arrivata una condanna a sei mesi, pena sospesa. Questa la pena che il giudice di primo grado aveva ritenuto appropriata il 12 novembre del 2014, per E. V., 84 anni, di Monselice. Mentre, nella stessa sede, era arrivato il patteggiamento da parte di M. F. , 51 anni, di Granze, e di M. M., 53 anni, di Monselice. Sarebbero, rispettivamente, la legale rappresentante, il dipendente di una ditta di Monselice e il suo il preposto alla sicurezza.

Uno dei mezzi di questa ditta, condotto da M. F., il 29 giugno del 2011, secondo questa ricostruzione dei fatti stava trasportando bombole di metano su un autocarro, quando la rottura di un pneumatico, come gli altri vecchio di 12 anni, secondo le contestazioni, avrebbe provocato una sbandata, l'impatto contro il guard rail e la perdita di parte delle bombole. Una di queste avrebbe colpito il parabrezza di un autotreno che seguiva, uccidendo sul colpo il conducente, Roberto Dalla Costa, 44 anni, trevigiano.

Le contestazioni, per dipendente alla guida e preposto erano relative al fatto che, secondo questa ricostruzione, non fosse mai stato segnalato lo stato dei pneumatici, soprattutto per quanto riguarda la loro età. Allo stesso modo, non sarebbe stato segnalato che l'autocarro usato per il trasporto delle bombole era sprovvisto di sistemi di ancoraggio di queste.

Dopo la condanna in primo grado, per la legale rappresentante della ditta era arrivata l'impugnazione, da parte dell'avvocato Stefano Fratucello. Nella serata di lunedì 20 novembre, poi, la sentenza di assoluzione della Corte di Appello di Venezia.

21 novembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati: