SCUOLA BADIA POLESINE (ROVIGO) I bimbi della primaria sono rimasti incantati dalla rievocazione storica che è stata realizzata appositamente per loro

Un'animazione da togliere il fiato

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Una giornata organizzata a beneficio degli studenti della scuola prima Pertini di Badia Polesine e della privata Paola di Rosa, che hanno davvero gradito l'iniziativa



Badia Polesine (Ro) - Per il secondo anno consecutivo l’Associazione Amici di San Teobaldo ha organizzato, per gli alunni della scuola primaria pubblica e privata, un’animazione volta a far conoscere la ricorrenza mariana di novembre che a Badia Polesine è legata all’Oratorio della Beata Vergine Maria della Salute che si trova nell’omonima piazza. Oratorio realizzato dal nobile Giovanni Francesco Loredan, inaugurato nel 1719.

 

 A quel tempo era abate commendatario della Vangadizza Pietro Priuli che fu nominato nel 1706 e vi rimase sino alla morte avvenuta nel 1728.

Come lo scorso anno Kormetea Artis ha realizzato l’animazione su alcuni dati forniti dalla stessa Associazione Amici di San Teobaldo e indicazioni storiche del Sodalizio Vangadiciense; il titolo dato per questa iniziativa svoltasi il 17 novembre scorso è stato: “L’Oratorio della Beata Vergine Maria al tempo dell’abate commendatario”.

Spiega Valeria Bonetto, della Farmacia alla Madonna della Salute, che ha indossato i panni di padre Valeriano un monaco della Vangadizza: “I bambini sono arrivati al chiostro e lì sono stati accolti dai frati tutti indaffarati per i preparativi della festa organizzata per la consacrazione dell'Oratorio della Madonna della Salute. Finchè i frati raccontano ai bambini alcuni dettagli sul nobile Loredan e sul perché abbia fatto costruire la chiesa, arriva l'Abate Commendatario. L'Abate va incontro ai frati e ai loro giovani ospiti e dà la notizia dell'avvenuta consacrazione dell'Oratorio, la festa quindi può avere inizio".

Il banchetto e il vino sono pronti, mancano gli ultimi preparativi per la musica e le danze, perciò i frati invitano i bambini ad unirsi a loro nelle prove della danza di benvenuto. Dopo aver ballato tutti assieme, i bambini vengono invitati dai frati a fare una merenda nel loro refettorio”. Hanno “recitato”: Valeria Bonetto (fra Valeriano), Laura Zanetti (fra Laurenzio) e Giulia Gambarin (abate commendatario Pietro Priuli)  di Kormetea Artis. 

Nell’ex refettorio gli alunni sono stati accolti dagli Amici di San Teobaldo (Nicoletta Avanzo e il presidente Gianfranco Nezzo) che hanno fornito loro dei fogli di carta sui quali hanno iniziato a tradurre in disegno questa esperienza. Dopo l’impegno grafico gli Amici di san Teobaldo hanno preparato loro la merenda nel luogo dove per secoli l’hanno consumata i monaci della Vangadizza.

 I disegni sono stati continuati in classe e saranno ritirati il 30 novembre; il 14 dicembre verranno messi in mostra in via Sant’Alberto in un locale messo a disposizione dalla farmacia Bonetto; nello stesso giorno in piazza Martiri della Libertà (già piazza Grani) verrà ripetuta l’animazione di Kormetea.

Accompagnati dai loro insegnanti sono intervenute le quattro classi quarte della “Sandro Pertini” del Comprensivo di Badia Polesine e le cinque classi della privata “Paola di Rosa”.

24 novembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento