IL PROGETTO ROVIGO La Regione stanzia un milione di euro per il Polesine, per colmare il Gap che lo separa dalle altre province della Regione

Un fondo per non essere più gli ultimi

AllenaMente 730x90

Rovigo - E’ stato approvato oggi, giovedì 14 dicembre, in consiglio regionale l’articolo 4 del collegato alle legge di stabilità presentata dalla giunta regionale, che riassegna un milione di euro per l'esercizio 2018, destinando l’importo ad interventi per la promozione dello sviluppo locale del Polesine. Ne danno notizia gli assessori regionali allo sviluppo economico Roberto Marcato e al territorio Cristiano Corazzari.

L’articolo approvato, che va a modificare l'articolo 25 (Continuazione interventi in favore delle piccole e medie imprese del Polesine) della "Legge finanziaria regionale per l'esercizio 2013", consentirà di attivare iniziative volte ad eliminare il divario sussistente fra il Polesine e il restante territorio regionale.

“L’articolo – sottolinea Marcato – consente di mantenere risorse importanti per il Polesine, territorio che merita attenzione da parte della Regione e che può esprimere  importanti potenzialità. E’ stato approvato all’unanimità dal Consiglio Regionale e ciò significa che la Regione in tutte le sue componenti ha a cuore questo territorio, oltre a confermare la bontà della scelta fatta dalla giunta di inserire questo articolo al collegato alla legge di stabilità”. 

L’articolo rimette in circolo i rientri 2018 - stimati in 1 milione di euro - del fondo rotazione previsto dalla Programmazione comunitaria 1997-1999 (Obiettivo 2, Misura 5.2), gestito da Veneto Sviluppo a cui si sommano altre risorse vincolate risultanti dalla realizzazione degli interventi riferiti al Protocollo d'Intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico del 2011, finalizzato al rilancio del Polesine.

“Ringrazio l’assessore Marcato per l’attenzione dimostrata nei confronti di questo territorio - è il commento dell’assessore Corazzari  - I fondi così recuperati saranno destinati a progetti strutturali importanti, condivisi tra la Regione e il territorio del Polesine, che potranno avere un effetto volano per il potenziamento del tessuto economico e produttivo. E’ un grande segnale di attenzione e vicinanza rispetto al Polesine. Permette che non vadano disperse risorse già destinate a quest’area e va in direzione di rassicurare in merito alle polemiche sollevate da esponenti dell’amministrazione provinciale circa il mancato inserimento di Rovigo tra i destinatari di fondi per aree a maggior divario di sviluppo”. 

14 dicembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento