CYBERBULLISMO PORTO TOLLE (ROVIGO) Irene Finotti, giovane vittima del bullismo sui social, racconta la sua esperienza ai ragazzi dell'istituto comprensivo locale e ricorda come le persone conosciute sul web possano essere in realtà ben diverse da quello c

"Fate attenzione agli amici virtuali", parola di chi ha denunciato

Un intervento che ha colpito i ragazzi dell'istituto comprensivo di Porto Tolle che hanno avuto modo di ascoltare la storia di Irene Finotti, perseguitata sui social, ora impegnata a spiegare alle nuove generazioni come difendersi dal cyberbullismo



Porto Tolle (Ro) - Gli alunni dell’Istituto comprensivo di Porto Tolle, alcuni giorni fa un aula magna, hanno avuto il piacere di partecipare ad un interessantissimo e significativo incontro con Irene Finotti, giovane ragazza portotollese vittima del cyberbullismo. Questa iniziativa didattica, ideata ed organizzata dal professor Dario Biolcati Rinaldi, con l'aiuto del primo collaboratore scolastico, professor Vincenzo Boscolo Bariga e delle colleghe Argia Moretto e Patrizia Gobbato, ha suscitato un forte interesse da parte degli studenti, utilizzatori assidui di smartphone, tablet e pc. 

In rappresentanza del Comune di Porto Tolle, che ha sostenuto e finanziato l’iniziativa, ha presenziato l’assessore Leonarda Ielasi. Dopo una breve, ma incisiva introduzione da parte del dirigente scolastico Gabriella Di Mascio, volta a far comprendere agli alunni l’importanza di un uso corretto e razionale degli strumenti digitali in loro possesso, Irene Finotti ha raccontato la sua triste vicenda coinvolgendo gli uditori in modo esemplare. 

Nel dettaglio, ha descritto minuziosamente come attraverso i social ha subito molestie continue e quotidiane per due lunghi anni da parte di “amici” conosciuti nel web, che ha avuto il coraggio di denunciare dopo un lungo periodo trascorso in uno stato psicologico di forte sofferenza. La giovane ragazza ha invitato gli adolescenti presenti ad utilizzare con molta cautela i social, nella consapevolezza che i cosiddetti “amici virtuali” non sempre sono come appaiono dai loro profili e, a volte, sono molto diversi da come si presentano attraverso frasi e foto da essi stessi pubblicate.

22 dicembre 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati: