VIDEOSROVEGLIANZA STIENTA (ROVIGO) Dodici nuovi apparati elettronici, compreso un nuovo varco in via Maffei, sono stati installati nella strade comunali per implementare la sorveglianza 

I migliori alleati della sicurezza nei punti strategici 

Tra ville e giardini 2018

Il territorio compreso tra il Comune di Stienta ed il Comune di Occhiobello è sempre più sotto controllo grazie all’installazione del secondo varco in via Maffei in direzione Bagnolo di Po, l’aggiornamento dei dispositivi e della rete di trasmissione dati, l’istallazione di antenne per nuovi ponti radio e la sostituzione e l’implementazione di tutte le telecamere sul territorio comunale di Stienta che rientra nel progetto regionale di sicurezza stradale e videosorveglianza 


Stienta (Ro) - Il 2017 è stato un anno strategico per la videosorveglianza nel comune di Stienta. Grazie alla partecipazione al bando regionale in tema di sicurezza è stato completato il secondo stralcio di interventi ricadenti nel più ampio progetto di videosorveglianza realizzato assieme ad As2 e che il Comune di Stienta condivide con il limitrofo Comune di Occhiobello. 

L’importante progetto, che a fine 2015 incassò l’autorizzazione della Prefettura nell’ambito della commissione provinciale per l’ordine e la sicurezza, aveva già visto lo scorso anno la realizzazione di molte delle strutture fondamentali per l’intera rete e l’istallazione del primo varco (via Eridania in direzione Gaiba) con sistema per lettura targhe ad alta definizione e telecamere di contesto. Tutto questo nell’ambito dei finanziamenti regionali collegati ad “Eridania Distretto”.

Con questo secondo stralcio invece è stata possibile l’istallazione del secondo varco (via Maffei in direzione Bagnolo di Po), l’aggiornamento dei dispositivi e della rete di trasmissione dati, l’istallazione di antenne per nuovi ponti radio (per invio e gestione dei flussi video) e la sostituzione e l’implementazione di tutte le telecamere sul territorio comunale. In tutto dodici ulteriori nuovi apparati (che si aggiungono ai due varchi) sempre attivi e capaci di registrare ogni movimento e che sono stati apposti in punti strategici del paese quali piazza, scuole, cimitero, ecocentro, incroci, strade principali e altri punti di particolare interesse.

“Per noi è fondamentale proseguire con la realizzazione del progetto di videosorveglianza che prevede varchi capaci di ‘chiudere’ e tenere sotto controllo le vie d’accesso a tutto il territorio compreso tra il nostro Comune di Stienta ed il Comune di Occhiobello (con la realizzazione dei prossimi stralci si provvederà alla chiusura totale delle vie d’accesso) ma è stato altrettanto importante poter intervenire sulle nostre telecamere di paese. - afferma il sindaco Enrico Ferrarese - Quelle esistenti erano poche, ormai superate e praticamente inservibili. Ora sono state sostituite con apparecchiature di ultima generazione, meglio posizionate e aumentate di numero. La collaborazione con As2 e con il Comune di Occhiobello è stata ed è fondamentale e ovviamente il ruolo più importante lo ricopre la Regione del Veneto che ci rende possibile, pur con una nostra quota di compartecipazione, tutti questi interventi. Avere la possibilità di controllare ed identificare qualsiasi veicolo entri e transiti nel territorio diviene uno straordinario strumento a disposizione anche delle forze dell’ordine”.

Oltre ad essere a disposizione e direttamente visibile dai Carabinieri, il sistema si presta ad essere inserito in più ampie reti di controllo utili appunto alle forze dell’ordine e alle autorità per ogni necessità. “Insomma una grande innovazione per fornire sempre più alti standard di sicurezza ai nostri cittadini. - aggiunge Ferrarese - Oltretutto, una volta collegati ai dispositivi portatili della Polizia locale, questi varchi permettono agli agenti di rilevare infrazioni legate alla circolazione senza revisione, assicurazione e bollo oltre ad essere molto utili e già utilizzati per identificare i responsabili dei danni provocati dai mezzi in passaggio sulle nostre strade”.  

Nelle scorse settimane è stato completato anche l’intervento di sostituzione dell’impianto d’allarme presso la sede della scuole medie che in particolare prevede la gestione da remoto con utili ed interessanti applicazioni soprattutto per quanto riguarda l’aula di informatica e con l’apposizione di nuovi strutture ed apparati con predisposizione alla futura istallazione di sensori e apparecchi di videosorveglianza.

 

 

 

5 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: