POLIZIA ROVIGO E c'è anche una pallanuotista tra i quattro “capi” settore arrivati in Polesine. Ecco chi sono ed ecco le loro storie

Nuovi dirigenti in questura: determinati e felici di essere qui

Tra ville e giardini 2018

Sono arrivati, insediandosi nella nuova questura di Rovigo, i quattro nuovi dirigenti, due al primo incarico, due già con una certa esperienza alle spalle. Tutti, comunque, entusiasti del proprio lavoro e desiderosi di fare sempre meglio, con la certezza di potere contare sulla solidità delle basi poste dai loro predecessori, che hanno voluto ringraziare



Rovigo - Un gradito ritorno e tre debutti in Polesine, per i quattro dirigenti della polizia di Stato che, da inizio anno, arricchiscono l'organico della nuova questura di Rovigo. I nuovi dirigenti si sono presentati nella giornata di lunedì 8 gennaio alla stampa. Ecco chi sono e le loro storie

Gloria Citoni, 32 anni, romana, è al primo incarico. Ha praticato pallanuoto a livello agonistico, in serie A, in diverse squadre. Da sempre voleva entrare in polizia. Ha sempre desiderato entrare nel corpo e, una volta passato il concorso, Rovigo le è apparsa una delle sedi migliori, dal momento che è una realtà magari piccola, ma molto bene organizzata. Nei prossimi giorni farà esperienza e, a breve, il questore deciderà a quale ufficio destinarla.

Giuseppe Di Majo, 33 anni, di Milazzo, al primo incarico. Anche lui al primo incarico, quindi fresco dell'uscita dalla scuola superiore di polizia di Roma, arriva da sei anni di avvocatura, professione alla quale si era dedicato prima del concorso in polizia. "Rovigo è stata una scelta - spiega - una realtà importante che mi offrirà delle opportunità".  Nei prossimi giorni farà esperienza e, a breve, il questore deciderà a quale ufficio destinarla.

Matteo Berna Nasca, 42 anni, di Bologna, arriva dalla direzione dell'Upgsp a Sondrio, dove ha diretto, nel medesimo periodo, tre anni, l'ufficio per il Soccorso in montagna. "Voglio ringraziare in particolare il mio predecessore Michele Fioretto, so che ha fatto molto bene, qui". Assume l'incarico di dirigente dell'Upgsp.

Francesco Mattioli entrato nel corpo come agente, con esperienza di Volanti a Bologna, nel 2011 è passato dirigente, per poi lavorare dal 2013 al 2016 al commissariato di Porto Tolle come dirigente. Poi per due ha lavorato a Bologna, sempre come dirigente, per tornare a Rovigo per scelta. Assume l'incarico di dirigente del commissariato di Adria.

A tutti loro si aggiunge, poi, Paolo Marino, che da dirigente del commissariato di Adria passa, sempre da vicequestore aggiunto, alla guida della polizia stradale di Rovigo.

8 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: