DOPO L'INCENDIO DEL 2013 (ROVIGO) La proprietà del capannone, che non è la società Polimero, ha avviato lo spostamento dei calcinacci e dei residui del crollo

Area Polimero, si parte con la rimozione delle macerie

Tra ville e giardini 2018

Dopo il furioso incendio del 2013 (LEGGI ARTICOLO), quattro anni e mezzo dopo, partono le operazioni di rimozione delle macerie prodottesi nel capannone di via Milani, sulla strada per Sant'Apollinare, che era stata colpita dal rogo



Rovigo - E' stato insediato il cantiere, nel capannone tra Sant'Apollinare e San Sisto dove, nel luglio del 2013, era divampato un violento incendio, che era proseguito per ore e aveva distrutto la struttura, oltre che il materiale plastico stoccato all'interno di questa. Un episodio che aveva impegnato per giorni i vigili del fuoco, per garantire la messa in sicurezza dell'area, con focolai che poi avevano ricominciato ad accendersi periodicamente.

Sono infatti in corso le operazioni di rimozione delle macerie, tonnellate e tonnellate di inerti e di cemento armato che ora dovranno essere smaltite nella maniera appropriata. A occuparsi delle operazioni è la proprietà della struttura, differente - giusto precisarlo - dalla ditta Polimero, che utilizzava la struttura.

11 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati: