IL CASO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI ROVIGO Il segretario Giuseppe Traniello risponde alla polemica sollevata dall’ex revisore dei conti del partito polesano, Renato Pregnolato, che sosteneva l’incandidabilità di molti iscritti

“Sindaci e candidati sono in regola. Accuse false, sarà denunciato”

Baccaglini VW locator
Non ha intenzione di lasciar correre, anzi, ha personalmente incaricato il tesoriere di prendere provvedimenti che potrebbero sfociare in una denuncia. Il segretario provinciale del Pd, Giuseppe Traniello Gradassi, si scaglia contro Renato Pregnolato, ex revisore dei conti del partito, che aveva dichiarato irregolarità nel versamento della quota di illustri iscritti al Pd provinciale

 Rovigo – “Era tenuto alla riservatezza e al rispetto della privacy anche se ha deciso di uscire dal Pd. Prenderemo provvedimenti per le azioni del caso”, il segretario provinciale del Partito Democratico, Giuseppe Traniello Gradassi, replica alle affermazioni dell’ex revisore dei conti del partito polesano, Renato Pregnolato che aveva denunciato inadempienze nel versamento della quota dovuta al partito da parte di volti noti, sindaci e presidenti di partecipate democratici. Inadempienze che, a suo dire, avrebbero dovuto pregiudicare anche la candidabilità di questi personaggi.

“Per quanto riguarda i candidati alle politiche del 4 marzo polesani, il tesoriere ha certificato presso la segreteria regionale, e comunicato a Roma, che tutte le proposte di candidatura di Rovigo sono in regola con versamenti e doveri di partito – spiega Traniello –. Tutto quello che ha espresso un decaduto, a questo punto direi anche decadente, non è corretto: va contro ogni regola etica e deontologica ed è privo di qualsiasi fondamento. Tutti i nostri sindaci hanno passato il vaglio del tesoriere e della commissione di garanzia e sono considerati in regola. Andare poi a commentare le candidature del Pd da fuori sarebbe più appropriato parlare di cosa sta facendo lui, come consigliere a Taglio di Po. Noi siamo pienamente soddisfatti di tutto ciò che sta facendo Francesco Siviero, e allo stesso modo siamo soddisfatti dell’operato di tutti gli altri”. 

“Noi siamo partito un partito trasparente e chiaro – aggiunge il segretario – che adesso ha trovato la sua composizione e ci dispiace che qualcuno cerchi di creare o immaginare bufere che non esistono. Il tesoriere prenderà sicuramente qualche provvedimento, l’ho personalmente incaricato di vedere con quali modalità procedere per prendere un provvedimento civilistico e penale a salvaguardia della onorabilità del partito. Assicuro che nel partito sono tutti in regola. In ogni caso fare nomi è una violazione aperta della privacy: lui non deve divulgare pubblicamente quanto versano o quanto dovrebbero versare”.
“Un ultimo appunto – conclude Traniello – è altamente scorretto anche confondere e fare confusione con candidati che non sono candidati nelle liste del Pd e parliamo di Tiziana Virgili, alla quale, pur non condividendo la scelta fatta, auguriamo le migliori fortune”.
 
25 gennaio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

ebook baseball

La tua privacy per noi è importante!


Proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Ti chiediamo inoltre il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze.
Leggi di più Acconsento