SOCIALE LENDINARA (ROVIGO) Presentato il progetto ministeriale “Sostegno per l’inclusione attiva” che vede la realizzazione di programmi personalizzati a sostegno di persone sulla soglia di povertà, gestiti dalle assistenti sociali 

Al via il progetto per aiutare le famiglie in difficoltà

Tra ville e giardini 2018

Un bellissimo progetto ministeriale del quale a fare da capofila è il Comune di Lendinara, ma a beneficiarne tutta la provincia di Rovigo. Parte ufficialmente il progetto Sia, sostegno per l’inclusione attiva, con un finanziamento di 350mila euro che permette l’apertura di 4 sportelli dedicati in provincia e di assunzione personale specializzato per la realizzazione di programmi personalizzati a sostegno di persone e famiglie in forte difficoltà economica


Lendinara (Ro) – Assistenti sociali specializzate, in sportelli dedicati, distribuiti sulla provincia, a disposizione delle famiglie o persone in gravissima difficoltà economica, sulla soglia di povertà. Grazie al contributo di 350mila euro del ministero e alla disponibilità del Comune di Lendinara scelto come capofila di questo progetto che coinvolge tutto il Polesine parte il progetto Sia, sostegno per l’inclusione attiva, presentato ufficialmente nella mattinata di giovedì 8 febbraio nella biblioteca comunale di Lendinara.

Il finanziamento del Ministero serve nello specifico a realizzare servizi “ad personam” per le famiglie in estrema difficoltà non solo economica attraverso la realizzazione di quattro sportelli, Lendinara, Castelmassa, Rovigo e Occhiobello dove assistenti sociali ed educatori, saranno a disposizione dei cittadini in queste condizioni. Aiuteranno in particolare nell’istruzione di tutte le pratiche per l’accesso al reddito d’inclusione attiva e ai programmi ad esso correlati. Si tratta di un progetto sperimentale della durata di due anni.

 

 

8 febbraio 2018
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

TedxRovigo